anteprime,  segnalazioni

Review party, "Semplicemente Gio`"


TITOLO: Semplicemente Gio’

DATA USCITA: 14/02/2019
PUBBLICAZIONE SELF CON KDP
PREZZO EBOOK 1,49
GENERE: romanzo rosa

SINOSSI

Giorgia sorride sempre alla vita e ha due grandi sogni: vivere di musica e incontrare il vero amore. Per un gioco del destino si imbatte in Liam, il perfetto principe azzurro. È un uomo dolce, gentile e bellissimo. Ed è proprio quando pensa di aver realizzato uno dei suoi più grande desideri che la sua strada incrocia quella di Dylan, un ombroso e affascinante ex musicista.
E mentre l’attrazione per Liam risuona di una melodia classica e la passione bruciante per Dylan la travolge come un brano rock, Giorgia scopre che i due ragazzi sono legati da un passato doloroso e da un futuro incerto.
Nelle sue mani c’è la loro felicità, ma anche la sua
«Un giorno ti sveglierai e ti renderai conto di aver perso ciò che desideravi davvero.»
Recensione di Alycia Berger
Giorgia, per gli amici Giò, è una ragazza solare e ingenua, con la testa tra le nuvole, che sogna di incontrare un giorno il suo principe azzurro. Se inizialmente questa ricerca si è rivelata vana dopo una serie di avventure da una sola notte, un giorno ella crede di averlo trovato cadendo dalle scale per colpa di un tacco rotto. Si tratta di Liam, un bellissimo uomo che per aspetto e nel modo gentile di porsi sembra essere fatto apposta per lei.
Giò, tuttavia, vive all’insegna della musica, per questo girovaga sempre insieme alla sua chitarra, e sarà proprio essa a intralciare il cammino di Dylan, una persona ombrosa, piena di rimpianti, che con i suoi modi scorbutici farà impazzire la nostra Giò.
Liam o Dylan? Questo è il dilemma che la nostra protagonista si pone per tutta la storia, sfogandosi con le amiche e con il cosiddetto Amico suo, il diario segreto con cui si confida sin da piccola. La scelta, infatti, non è delle più facili in quanto i due uomini sono assolutamente opposti e hanno al contempo un legame che rende tale scelta ancora più dolorosa.
Personalmente ho trovato questa lettura molto piacevole. Essa può apparire spensierata come la protagonista, eppure nasconde realtà ben difficili da trattare. Sono sollevata per il fatto che la malattia sia un tema affrontato con delicatezza e messo in secondo piano senza marciarci sopra, lasciando quindi spazio all’amore, alla musica, alle risate. Adoro quando i romanzi vogliono essere degli scacciapensieri senza mai rinunciare alla volontà di mettere nero su bianco dei contenuti per far riflettere, per aiutare coloro che si trovano in determinate condizioni a reagire, a non rinunciare ai propri sogni anziché abbandonarsi alla disperazione e al destino. Tutti noi vorremmo una Giò al nostro fianco, in grado di portare luce nel buio, inesauribili colori quando tutto è nero, e musica quando regna l’assordante silenzio del dolore.
Amerete Liam per la sua bontà d’animo e il suo essere una persona con dei valori e saldi princìpi, anche se qualche volta gli vorreste urlare di essere poco ingenuo. Vi farà invece irretire l’atteggiamento di Dylan, spesso ai limiti del bipolarismo, ma non appena deciderà di schiudersi e far vedere com’è realmente, non potete fare altro che adorarlo in tutti i suoi difetti. A patto che non proviate per lui compassione, lo detesta.
All’interno del romanzo ci sono molti richiami alle canzoni dei Modà, gruppo musicale italiano preferito di Giò, che vengono inserite per esprimere i sentimenti provati in determinate situazioni e per entrare nel difficile mondo di Dylan, anch’egli appassionato di musica. Se per alcuni questi rimandi possono essere ridondanti, secondo me sono stati ben inseriti, coerentemente all’abitudine di Giò di mostrare le proprie emozioni attraverso la melodia. C’è chi si esprime attraverso gesti, chi preferisce mettere nero su bianco le proprie emozioni inventando storie e chi, come Giò, lo fa attraverso le note musicali.
La storia viene raccontata secondo i punti di vista dei tre personaggi principali, districandosi senza particolari difficoltà. A volte il ritmo appare rallentato nel momento in cui Giò trascrive sul suo diario segreto i fatti appena accaduti, lasciando però spazio a nuove considerazioni che mi hanno strappato a volte qualche risata. Lo stile è semplice e diretto, la scrittura fluida. Per quanto la storia possa avere un epilogo scontato, sono certa che sia di vostro gradimento, specialmente per chi ama le storie con i triangoli amorosi e i music romance.
Faccio i miei complimenti all’autrice,
Alycia Berger
Voto: 4.5
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: