recensione,  review party,  sofia

Recensione, “The Aristocrats”

The Aristocrats
di
Daria  Torresan& Brunilda Begaj
Casa editrice: Self Publishing
Data di uscita: 01 Agosto
Genere: Mafia Romance

Sinossi

Ricchi, potenti e di una bellezza quasi eterea, i fratelli Doko sono “I signori dell’est-Europa”.
Arroganti, pericolosi e disonesti fino al midollo, non provano pietà, non rispettano le regole e l’unica legge che conoscono è la loro.
La sola parola che conta è la loro.
Tutti li temono, tutti chinano il capo al loro cospetto. Tranne le sorelle Norik, discendenti dirette della donna più autorevole e rispettata nell’Europa orientale, nonostante il passato per nulla glorioso. Il loro cognome è sinonimo di potere e protezione. Per loro la legge è al di sopra di tutto, non giocano sporco, non ne hanno bisogno. Ma il loro rispetto va guadagnato e i Doko l’hanno perduto da tempo.

C’è un confine invalicabile tra le terre degli uni e delle altre.

* ATTENZIONE * 
Il romanzo contiene scene di sesso esplicite. Se ne consiglia la lettura a un pubblico adulto e consapevole.

 

Premesso che il blog è in ferie e che questo romanzo era un po’ che lo aspettavo.

In questi caldi giorni romani, in cui non sono ancora in ferie e mi muovo con gli autobus invece che la metropolitana, sto dando spazio a tutte le letture arretrate. Quando ho finito The Aristocrats, dovevo recensirlo.

Urlare il mio amore per questo regalo improvviso.

Quindi ho chiesto alle altre ragazze dello staff se potevamo pubblicare anche se ufficialmente in vacanza.

Tra una risata ed una chat, le altre donne del blog hanno acconsentito.

Aderito alla mia pazzia. Grazie girls!

E veniamo a The Aristocrats, un romance mafia forte ed intrigante che mi ha incollato allo schermo del Kindle.

 

Il libro  è ambientato  in Albania,  la famiglia   Doko è   ricca, potente e spietata.

Chi sono? Tutto.
Perché tutto è ciò su cui loro hanno da sempre influenza.
Droga, prostituzione, armi.

“I signori dell’Est”, come vengono chiamati, sono un clan unito ed al di sopra della legge, rappresenta da uomini corruttibili e paurosi.
Una famiglia patriarcale, attenta alle regole non scritte, come onore e rispettabilità.

Naturalmente, come ogni romanzo mafia che si rispetti, esiste anche la famiglia che vorrebbe vedere sparire i Dako.

Le Norik, quattro donne dal passato difficile, che sono cambiate. E vorrebbero cancellar il potere dei signori dell’Est per ampliare il volontariato e ripristinare la sicurezza sociale.

Una famiglia matriarcale volta all’azione verso il prossimo.

Due famiglie, due imperi in lotta da sempre per la supremazia. Ma la loro battaglia rischia di portare alla luce troppi segreti. Quanto a lungo possono i protagonisti di questa faida farsi carico dell’antico odio che li separa? Quanto, prima che gli istinti carnali sfocino in una passione travolgente?
Perché davanti a un sentimento come l’amore, il cognome che porti non conta nulla.

Tre figli loro. Tre figlie, noi. Tutti cresciuti con un’unica regola: farsi la guerra.

 

I protagonisti si confrontano, sfidano.

Una lotta continua che ricorda una sfida di scherma: azioni di attacco e di difesa.

La tattica delle “azioni di seconda intenzione” sono mirate ad ingannare e distrarre l’avversario.

La passione serpeggia ed esplode.

Una storia coinvolgente, dove gli avvenimenti si susseguono veloci.

Nulla è come appare e la realtà cambia improvvisamente.

Segreti e colpi di scena danno vita ad una trama  perfetta con  personaggi vividi e ben descritti.

Ognuno racconta il suo punto di vista.

Ogni situazione è poliedrica.

Luci ed ombre si alternano come l’essenza dei personaggi. Ognuno ha in sé un lato oscuro che a volte prende il sopravvento.

Odio ed amore prendono forma,  volti della stessa medaglia.

Un libro unico che racchiude molte storie coinvolgenti, appassionanti e uniche.

Grazie ad uno stile fluido e a tratti incalzante.

Con uno spazio temporale dilatato e finale sorprendente.

Il mio voto è

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: