recensioni,  review party,  sofia

Review party, “Come pioggia sul cuore”

Buongiorno reader,

è con piacere che oggi ospitiamo il review party , “Come pioggia sul cuore”, di Maria Rosaria Guarino.

Ringraziamo l’organizzazione del review e gli autori per la lettura e la partecipazione.

Titolo: Come pioggia sul cuore
Autore: Mariarosaria Guarino
Editore: Self Publishing
Data pubblicazione: 26/7/2019

 

 

 

 

 

Trama
“L’inverno arriva per tutti, Claire, ma ciò che si perde a causa del gelo, germoglierà di nuovo in primavera. Quando vedrai quel bocciolo, sappi che è arrivato il momento di ricominciare…”

Quando Claire torna in Corea per qualche mese, non si aspetta niente di particolare. Vuole stare un po’ con la nonna e rivivere quel paese tanto lontano dalla sua America, concentrarsi un po’ sui suoi disegni e stare tranquilla. La comparsa di Dae-Hyun, però, le sconvolge i piani. Dae-Hyun è un ragazzo dagli occhi tristi, provato dalle responsabilità e dai rimorsi che gravano sulle sue spalle. Di sogni quel ragazzo ne ha tanti, e lotta ogni giorno con fatica per ottenerli, ma sul suo volto compare raramente un sorriso. Claire sarà per lui una boccata d’aria, un ritorno alla spensieratezza infantile. Lui sembra conoscerla da sempre, mentre lei sente che un filo la lega a quell’anima gentile. Bello come un fiore che sboccia per il caldo improvviso, il loro amore irrompe e sconvolge in positivo le reciproche esistenze. La vita, però, sa essere crudele e quello che ti dona, a volte, ti toglie senza preavviso. Ci sono, tuttavia, legami che la distanza fisica non può spezzare. Ci sono amori che vivono per sempre, qualsiasi cosa accada, lasciando il segno sulla pelle e nell’anima.

“Sorrise e la percezione del contatto tra la nostra pelle divenne intensa, quasi dolorosa. La sensazione mi colse di sorpresa e mi sembrò di sentirlo vicino in un modo nuovo, come se il suo cuore e il mio fossero l’estensione di un’unica anima.”

“Tutti abbiamo bisogno di un abbraccio sincero, di un vero sorriso, di un bacio dato a fior di labbra che ci faccia sentire vivi, e allora desideriamo e sospiriamo, inconsapevoli di quanto siamo la causa del nostro stesso male”

Può l’amore abbattere i confini? nutrire i sogni e far volare gli animi?

Quando ho letto la sinossi del nuovo libro di Mariarosaria Guarino mi sono posta questo interrogativi, indirizzandoli verso una passione. Il disegno nel caso di Claire. Iniziata la lettura sono rimasta titubante davanti allo sviluppo della trama. Mi ha ricordato famosi film e leggende.

I protagonisti sono Claire e Dae-Hyun.

Claire è una ragazza riservata, introversa e timida. Il suo canale di sfogo e comunicazione verso il mondo circostante è il disegno. Solo con colori e matite riesce ad esprimere realmente e totalmente se stessa. E vorrebbe fosse il suo futuro, anche lavorativo. Il suo sogno è diventare fumettista, desiderio a cui si dedica totalmente.

Claire, vive a San Diego ed ama trascorrere le  vacanze estive a Seoul dai nonni.

Dae-Hyun è un giovane sportivo, vive alla periferia di Seoul e la sua passione è il basket.

La sua vita non è stata facile, ha perso la mamma molto presto ed a seguito del lutto il padre è diventato alcolizzato.

Il ragazzo ha imparato sin troppo presto a badare a se stesso ed al padre.

Tra mille difficoltà.

Il loro incontro è casuale e sconvolgerà le loro vite, così diverse.

Un incontro di culture e mondi diversi, che  mio parere, come spiegherò in seguito, non è stato del tutto sviluppato.

 

 

L’amicizia si trasformerà in amore, i due si daranno forza a vicenda per superare le difficoltà, cercare di realizzare i propri sogni.
Raggiungere gli obiettivi.
Nulla è impossibile, sopratutto quando si ha qualcuno accanto con cui sorridere ed a cui poggiarsi.

“La sensazione mi colse di sorpresa e mi sembrò di sentirlo vicino in un modo nuovo, come se il suo cuore e il mio fossero l’estensione di un’unica anima”

 

La strada non sarà semplice e la vita li metterà alla prova. Di nuovo.

Lo stile fluido e descrittivo del’autrice descrive al romanzo un ritmo irregolare, a tratti sincopato.
Stati d’animo e parole si intrecciano meravigliosamente.
Le sensazioni diventano tangibili, le emozioni reali.

Gioia e tristezza sono specchi in cui il lettore si riflette naturalmente creando un empatia indissolubile con i personaggi.

Il finale mixa perfettamente passato e presente, chiudendo un cerchio.

“……. a volte diamo per scontate cose che non lo sono, spesso ci sentiamo insoddisfatti e non apprezziamo ciò che che abbiamo, o crediamo che tutto possa rimandato ad un altro momento. Indugiamo sulla vita altrui e ci dimentichiamo quello che ci è stato dato…..”

 

Unico appunto che mi sento di fare è sulle descrizioni dei contesti. America e Corea, a mio parere insufficienti.

Claire vive in America con pro e contro che esso comporta. Ha abitudini e pensieri diversi dal fidanzato e il suo paese.

L’autrice ha dato più risalto al lato emotivo che alle scenografie e descrizioni di usi e costumi di un paese che custodisce una bellissima storia, la Corea.

Oltre che una realtà complessa, divisa tra Nord e Sud, due mondi separati da una zona demilitarizzata: una sorta di cuscinetto creato in maniera tale che i due Paesi non si possano scontrare.

Realtà importanti che vanno considerate quando si scrive un libro, anche se romance, in quanto la realtà politica, economica e sociale potrebbe influenzare la trama, come molte accade nei romance.

Soprattutto considerando gli ultimi accadimenti con l’America.

Un bel libro che narra un amore adolescenziale in modo unico e ricercato. Una favola consigliata per sognare!

Un romanzo che potrebbe crescere e offrire spaccati inusuali.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: