recensione,  review party

Review party, “il principe virtuoso, la maledizione”

Buongiorno reader,

è con piacere che oggi ospitiamo il review party , “il principe virtuoso-la maledizione”, di Lina Giudett i.

Ringraziamo l’organizzazione del review e gli autori per la lettura e la partecipazione.

 

Trama:


In una terra antica, divisa in due dall’odio e sulla quale incombe una maledizione che solo un principe virtuoso potrà spezzare, si intrecciano le vicende di due mondi in contrasto tra loro: nobiltà e borghesia. Jamina è una giovane donna di rara bellezza con gli occhi verde giada e i capelli del colore dell’oro, che lavora nelle campagne. Un giorno, per ordine del re, viene costretta a trasferirsi a palazzo per diventare la vinificatrice di corte dove conoscerà i due principi e fratelli gemelli, Aiden e Aneirin. Entrambi bellissimi, con gli occhi azzurri come zaffiri e i capelli scuri, sono tuttavia l’uno l’opposto dell’altro: il primo arrogante e libertino e il secondo dolce e gentile. Pur credendo di preferire il fratello buono e rispettoso, Jamina si ritroverà intrappolata in un’attrazione pericolosa verso il principe Aiden, diretto successore al trono, che inizierà a odiare non appena la obbligherà a diventare una cortigiana, la sua cortigiana… eppure, non tutto è come sembra e la fanciulla scoprirà che l’odio e l’amore sono le facce di una stessa medaglia. Cosa può accadere quando una gazzella e un leone s’innamorano?

Il Principe Virtuoso è una favola curiosa che tra leggende, magia, divinità e folletti, mescola fantasy e romance con sensualità e dinamismo

(è il primo di una trilogia Fantasy/Romance/Erotico quindi non Autoconclusivo diverso dai classici romanzi sia in ambientazioni (antica) che il lettura di narrazione (non pov alterni).

 

 

“Il Principe virtuoso” è il primo libro di questa saga scritta da Lina Giudetti.
Ambientato in un tempo lontano nei regni di Azlem e Olem Il romanzo inizia mostrando uno scenario di pace e amore dove il Dio Tanaris, aveva creato queste terre (che prima di essere divisi in due era solamente un territorio) e gli uomini insegnando loro cosa è l’amore e il rispetto verso l’altro, tanto da non esserci bisogno di creare nessun tipo di gerarchia perchè vivevano tutti in pace tra loro. Tanaris decise con il tempo di affidare questi regni a due uomini Osbert e Simus che iniziarono a regnare con saggezza, peccato però che con il tempo e soprattutto con la scoperta del non essere gli unici uomini sulla terra i due inizieranno a diventare spietati e arroganti tanto da dividere il regno in due parti e far tornare il Dio nelle terre. Tanaris tornato ed adirato con entrambi gli uomini li maledice e divide ufficialmente il regno in due parti che non potranno mai più ricongiungersi tra di loro ma saranno non solo divisi da un muro ma anche da un drago che dovranno sfamare una volta l’anno se non vorranno morire tutti. L’unica ancora di salvezza sarà un principe virtuoso che sacrificando se stesso per entrambi i popoli distruggerà il drago e permetterà alle terre di riunirsi. Iniziato cosi, il romanzo va avanti e mostra i nostri protagonisti effettivi cioè Jamina e Aiden.
Aiden è il figlio erede al trono di Simus, ha un gemello di nome Ainerin che è il suo esatto opposto, se Aiden è spavaldo e vivace, Ainerin è molto pacato e ben educato. L’unica nota identica tra i due ragazzi è la corporatura che assomiglia molto alla regina, la loro madre, occhi azzurri e capelli scuri. Crescendo viene visto come un ragazzo viziato e arrogante ma ha tutto un altro carattere che nasconde sopratutto dalla morte della madre.
Jamina dal canto suo, è cresciuta in campagna ed in teoria orfana dei genitori, in realtà, però, è la figlia perduta quando era appena nata di Osbert, l’altro re del regno. La ragazza quindi è stata cresciuta in campagna e quando è stata trovata è stata affidata alle cure di una donna che non potendo avere figli si è subito presa cura di lei amandola come se fosse la sua vera figlia. È apprezzata da molti per la sua bellezza che a detta loro è “regale”, ha gli occhi verdi e i capelli biondi, è molto dolce ma allo stesso tempo è caparbia e coraggiosa.
Il primo incontro tra i ragazzi avviene quando hanno 12 anni, che in una caccia alla volpe si incontrano in campagna rimanendo colpiti come in fulmine a ciel sereno. Il loro secondo incontro avviene dopo 6 anni, quando le cose nei vari regni sono totalmente degenerate e Jamina è costretta ad accettare un lavoro/ordine del palazzo e andare a vivere li. Il rapporto tra i due non è assolutamente dei migliori dal momento in cui la ragazza sarà costretta dal principe a diventare la sua cortigiana. Come finirà per evolversi il loro rapporto?
Devo dire che ultimamente cercavo delle saghe che potessero prendermi nella lettura e aspettare con ansia un secondo libro, direi che finalmente ho trovato quel che cercavo. La scrittrice è stata molto brava a delineare i caratteri dei vari personaggi, sopratutto i principali ma anche quelli secondari dove l’apatia verso tutti loro è alle stelle. La scrittura è semplice, corretta e senza errori, le scene sono scritte in maniera dettagliata e ho apprezzato tanto il prendersi delle pagine per spiegare in maniera davvero dettagliata tutto un contesto storico e geografico nuovo.

Il mio voto finale per il primo libro di questa trilogia è 5 stelle su 5! Non vedo assolutamente l’ora di leggere il secondo capitolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: