alycia berger,  recensioni,  review party

Review party, “Ethan l’angelo del silenzio”

 

TITOLO:Ethan, l’angelo del silenzio
AUTORE: Elizabeth Giulia Grey
EDITORE:Self Publishin
PAGINE:195
GENERE:Romanzo di formazione-fiction

SINOSSI

“Fare da babysitter a un bambino autistico? Il professor Donovan deve essere impazzito!!

Ecco il primo pensiero di Kate.

Lei che già si vedeva immersa anima e corpo in una ricerca sperimentale
all’;avanguardia, o magari chiamata a rinfoltire le fila di una prestigiosa azienda della Silicon Valley, è costretta suo malgrado a piegarsi allo strambo volere del suo mentore.

Ma i guai della ragazza non sono finiti lì: il padre del bambino, infatti, è Philip Clark, uno dei professori più temuti e ammirati dell’intero ateneo, noto per essere un uomo schivo, ostile, poco incline al contatto umano e con origini aristocratiche a rendere ancora più austero il suo comportamento.

 


C’è di peggio? Ebbene sì, dato che Kate ha un trascorso scomodo e gravoso che ha  sempretenuto nascosto a tutti e che tale avrebbe dovuto restare per sempre.
Mantenere un segreto con Philip Clark, tuttavia, è impossibile, e lei lo capirà presto, anzi, prestissimo.

Kate e Philip: due persone così diverse, ma in fondo così simili.

 

Il caso li mette l’una sulla strada dell’altro e un’esperienza iniziata in sordina, affrontata in punta di piedi e a fior di labbra, si trasformerà in fretta in qualcosa di  terribilmente coinvolgente li travolgerà tutti con la forza di un tornado, minerà le loro sicurezze e rimetterà tutto in discussione, compreso il loro futuro e la loro felicità.

 

Ciao readers,
Oggi vi parlo di un romanzo che mi ha davvero emozionata e mi tocca nel profondo. Si tratta di Ethan, l’angelo del silenzio di Elizabeth Giulia Grey.
La storia narra di Kate, una brillante studentessa accademica che si interessa di ricerca e che si ritrova a fare da baby-sitter al figlio del professore più temuto e ammirato dell’Ateneo, Phillip.
Affrontare tematiche forti come l’autismo in modo leggero, senza sfruttare la malattia, è di sé ammirevole. E lo è ancora di più se si è capaci di arrivare dritto al cuore. Questa storia parla di Angeli silenziosi, perché è proprio questo che sono i bambini autistici. Loro sembrano appartenere a un altro mondo, chiuso dentro una bolla che impedisce il contatto col nostro. Essi difficilmente guardano negli occhi, e difficile è che si esprimano a parole. Ma il loro sguardo è capace di entrare nelle profondità dell’animo e leggerti, cogliere ogni singola sfumatura di te stesso. E quando vogliono dimostrarti qualcosa, lo fanno al momento giusto con piccoli gesti essenziali. Per questo, sono Angeli. Ti salvano e ti fanno capire quanto loro siano migliori di noi, più umani. Attraverso questa storia, Elizabeth è stata brava a far capire che le persone affette da autismo non vanno considerate come dei casi clinici da trattare, come pensa di fare Kate all’inizio. Semplicemente, per conoscerli basta approcciarsi a loro come se fossero degli amici, delle persone qualsiasi, insomma.
E poi ci sono i genitori, che come Philipp vedono questi figli geniali come persone da mettere dentro una campana di vetro. Così facendo, non si accorgono di esasperare la loro “diversità”, relegandoli a una vita in solitudine. È anche vero che gli autistici sono persone molto selettive, ma i fortunati entrano a contatto con un mondo meraviglioso, proprio come capita a Julie.
I personaggi sono ben descritti, coerenti alla storia e rispecchiano i comportamenti quotidiani che si assumono nella vita reale. Lo stile è molto scorrevole, semplice ma portatore di emozioni. A me è scappata anche qualche lacrimuccia.
Consiglio questa lettura, a tratti non facile, a coloro che amano leggere libri con tematiche delicate e portatrici di grandi emozioni.

Alycia

Voto: 5

 

Il blog ringrazia l’organizzazione per aver gentilmente e gratuitamente fornito la copia digitale e tutti i metadati presenti in questo articolo.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: