recensione,  review party

review party, “Insegnami a dire addio”di Dawn Blackridge

Titolo: Insegnami a dire addio
Autore: Dawn Blackridge/Donata N. Ferrari
Editore: self publishing
Genere: storico m/m
Formato: ebook, mobi, pdf
Data di pubblicazione: 28 ottobre 2019
Prezzo: € 3,49
Acquistabile su Amazon e Kobo

Sinossi

Isola di Ohau – Hawaii – gennaio 1932.
Tanui Wamblee è un nativo hawaiano di origini polinesiane rimasto solo al mondo dopo la morte del padre. Nel giorno del funerale dell’unico genitore rimastogli, prende la decisione di fare il passo che ha rimandato da tempo e diventa socio del suo amico Anapa nella proprietà del locale di quest’ultimo, denominato Etanà, il dio tatuato.
Gennaio 1941
Il tenente Liam Brooks, pilota di caccia, è solito ficcarsi nei guai e, dopo l’ennesima rissa in cui è coinvolto, viene trasferito alla base militare di Pearl Harbour.
Tanui incontrerà per caso, nel suo locale, uno dei suoi tanti frequentatori, un soldato in libera uscita.
Conoscersi farà scoccare una scintilla tra i due, che si trasformerà in un incendio e darà vita a un amore totalizzante. Tanui, farà conoscere a Liam i luoghi più segreti, noti solo a lui, dell’isola, le leggende della sua gente e si accorgerà di provare per la prima volta un legame anche spirituale con lui, e lo stesso Liam sperimenterà sensazioni diverse da quelle cui è stato abituato.
Il 7 dicembre 1941 con l’attacco a Pearl Harbour, il destino si accanirà contro di loro.
La vita tuttavia segue strade misteriose e proprio quando ci sembra di non farcela, di non vedere la luce alla fine del tunnel, succede qualcosa di assolutamente inaspettato che ci farà guardare al futuro di nuovo pieni di speranza.

 

 

“Insegnami  a dire addio”.

Una richiesta, una necessità.

Un saluto.

Momentaneo o meno, comporta un allontanamento.

Da odori, espressioni e sentimenti.

Tutto diverrà ricordo.

 

Si può rinunciare ad un amore improvviso, puro e totalizzante?

Queste le mie domande alla fine del nuovo libro di Dawn Blackridge, che è stata una bellissima scoperta.

Lo stile pulito, scorrevole e ammaliante regala emozioni uniche.

La storia è coinvolgente.

Scorre tra le pagine come dei fotogrammi di pellicola.

Questa storia va oltre il dolore e le perdite e presenta al lettore un isola delle Hawaii con la sua natura, storia e peculiarità.

Tutto racchiuso in un uomo, Tanui.

Bello,intelligente  e carismatico.

Cresciuto tra passato e presente, intrisi di magia.

Liam è un giovane pilota americano, rissoso e scomodo, che verrà trasferito come ammonimento.

Il loro incontro sarà unico e destabilizzante.

America a stelle e strisce e l’Asia americana.

Stesso oceano e mondi diversi.

Soprattutto durante un conflitto.

In cui tutto è instabile, strano ed effimero.

Liam e Tanui sono diversi e si attirano come calamite. Fisicamente e mentalmente.

Celano il loro segreto ad occhi indiscreti e si vivono totalmente nonostante tiri forte l’aria di cambiamenti.

Importanti.

Passato e presente si intersecano verso un futuro incerto.

Una storia d’amore con la lettera maiuscola,

dove i protagonisti godono l’ uno dell’altro senza riserve perché incerti verso quel che sarà.

Carpe Diem che scorre tra le righe che scivolano veloci verso un finale che non anticipo.

Un libro stra consigliato.

 

Il mio voto è

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: