Libera_mente

"Un gatto passa e si scrolla Shakespeare dalla schiena", Charles Bukowski

SEMrush

Blog tour, “La ragazza del faro”

Buongiorno readers, oggi partecipiamo al blog tour dedicato al libro”La ragazza del faro” di alessia Coppola,  che avevo amato e recensito (sulla vecchia piattaforma).
La nostra tappa, riguarda il rapporto con il mare. Ma partiamo da cover e sinossi:

Titolo: La ragazza del faro
Autore: Alessia Coppola
Pagine: 284
Prezzo: € 9,90
Editore: Newton Compton Editori
Trama:
Nel mare Adriatico c’è un’isola incantevole, cullata dall’abbraccio delle onde. È l’Isola dei Gigli di mare, tra le cui sponde si snodano le vicende di Luna, una ragazza dal passato tormentato e un futuro riposto nelle stelle. La vita di Luna cambia all’improvviso quando dal mare arriva una misteriosa scatola: al suo interno alcune foto, sbiadite dall’acqua e dal tempo, che la ritraggono da bambina insieme alla madre, scomparsa quando Luna aveva solo sei anni. Chi ha scattato quelle foto? E perché ora si trovano tra le sue mani? Convinta che non possa trattarsi di un caso, la ragazza comincia a interrogare le stelle, che – proprio come sua madre – Luna studia sin da piccola, incoraggiata da suo zio, il guardiano del faro. Quando le speranze di arrivare a risolvere quell’enigma sembrano svanite, ecco che sull’isola arriva qualcuno, forse in grado di darle le risposte che cerca: si chiama Hermes ed è un giovane fotografo giunto a immortalare le bellezze del posto. Hermes e Luna non sanno che c’è un antico segreto che li riguarda. Un segreto che prima o poi qualcuno riporterà alla luce…

Luna, la protagonista, è una ragazza intelligente, carismatica ed appassionata di astrologia. Orfana di madre è cresciuta sull’isola dei gigli di mare con il padre e lo zio materno. Un lembo di terra in mezzo al mare, che le ha rapito la madre.

Hermann Broch scriveva, ” Quelli che vivono in riva al mare difficilmente possono formare un solo pensiero di cui il mare non faccia parte. ”

Curiosità: L’Isola dei gigli di mare dove abita Luna ed incontra Hermesesiste davvero. Si trova nel Mar Ionio e appartiene amministrativamente al Comune di Gallipoli e si chiama Isola di Sant’AndreA.

Ama il mare, lo rispetta e ne ha paura. Lo conosce da sempre, da quando ne ha memoria, e gli ha sempre affidato pensieri, speranze, paure. Un amico silenzioso e discreto. Un legame unico e molto forte.

Nel prologo l’autrice scrive: ” Era arrivato dal mare. Negli occhi aveva lo stupore dell’alba e nella testa la luce di tutte le stelle. Non si sapeva da dove venisse o quanti venti avesse assecondato. Lei sapeva solo che era giunto dal mare. E ne portava addosso il profumo, come un vestito“.
 Copyright “La ragazza del faro” di Alessia Coppola, Newton Compton Editori, 2019

La frase, “…mare, profumo di mare…” della famosa canzone di Little Tony cosa vi fa pensare? Sentito l’odore pungente e particolare dell’acqua unita alla spiaggia trascinate dalle correnti?
Per l’uomo l’odore è uno dei sensi più importanti, dirige le nostre azioni.
L’autrice utilizza le parole per descrivere emozioni, sensazioni e provocare reazioni. Iniziando il libro ci si immerge totalmente nell’isola dei Gigli, si impara a conoscerla con tutti i sensi.Totalmente.  Il mare è un compagno fedele e silenzioso che pagina dopo pagina si ingrossa e ritira, regala emozioni ed oggetti custoditi. Celando il passato nel presente. Improvvisamente.
Nel romanzo il mare diviene metafora dei giorni andati, su cui far luce per vivere al meglio adesso.
Chopin scriveva che, “la voce del mare parla all’anima. Il tocco del mare è sensuale, avvolge il corpo nel suo morbido e stretto abbraccio. “

Luna aveva un rapporto simbiotico con la distesa di acqua con cui si fondeva quotidianamente: il mare.

Amico, amante e carnefice.

“Sapeva di non dover salire sulla vecchia torre in una sera come quella, ma nel suo cuore albergava l’incoscienza di un fanciullo. Era forgiata con la forza delle onde e la pazienza del tempo, e quando camminava aveva la grazia di un cigno che solca il pelo dell’acqua: sembrava galleggiare come se la terra non le appartenesse del tutto. Apparteneva infatti al mare, come le stelle alla notte. Ed era bella da incutere quasi paura, quel timore che coglieva gli uomini quando la guardavano negli occhi e credevano di cadere ai suoi piedi, come tessere di un domino.”

Copyright “La ragazza del faro” di Alessia Coppola, Newton Compton Editori, 2019

 

 

 

OMAGGIO A SORPRESA PER IL COMMENTO CHE COLPIRÀ MAGGIORMENTE L’AUTRICE. Quindi, se commenterete tutte le tappe avrete più chance.

Link

 

 

 

 

 

No votes yet.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image

Back to top