SEMrush

IL GUERRIERO E LA NOVIZIA di P. Baiocchi e M.Piazza

 

Un historical romance uscito per I Romanzi Mondadori – collana Passione, di Pamela Boiocchi & Michela Piazza

TITOLO:  IL GUERRIERO E LA NOVIZIA

AUTRICI: Pamela Boiocchi, Michela Piazza

GENERE: historical romance

DATA DI USCITA: 5 GIUGNO 2021 – IN PREVENDITA DAL 28 MAGGIO

PREZZO: 2,99 € ebook ; 5,90 € cartaceo

DISPONIBILE SU TUTTI GLI STORE E NELLE MIGLIORI EDICOLE.
TRAMA:

La rapisce per interesse,
la sposa per proteggerla

Aonghus Mór ha una missione: deve rapire una giovane novizia da un convento e tenerla in ostaggio per proteggere la gente del suo clan.
Non è un gesto nobile, ma sono tempi bui per la Scozia, in procinto di muovere guerra contro i norvegesi.
La prigioniera, però, si rivela ben presto indomita, anche se innocente e luminosa al punto da far dubitare Aonghus delle proprie scelte.
Nonostante sia figlia di un nemico, il guerriero inizia a provare nei suoi confronti un desiderio inconfessabile. Un’attrazione condivisa dalla stessa prigioniera.
Intanto, un viaggio avventuroso alla ricerca di una pietra dotata di poteri leggendari potrebbe unire la Scozia.

O spezzare due cuori…

BIO AUTRICI: 

Pamela vive su un isola dove non arriva mai l’inverno, in compagnia del fidanzato mago e di quattro gatti viziati. È una danzatrice del ventre e ama cucinare.

Michela abita nella torre di un paesino medioevale, insieme al marito, al figlio e a numerosi animali che sono parte integrante della famiglia. Lavora come bibliotecaria e adora la Storia.

Nonostante vivano a quattromila chilometri di distanza, Pamela e Michela restano legate da una pazza amicizia e dal potere dei sogni.

CURIOSITA
parte del romanzo è ambientato ai piedi delle Tre Sorelle, nella valle di Glenco e in Scozia. Pamela e Michela hanno infatti avuto l’idea per questa storia proprio durante un viaggio nelle Highlands.
Eilidh si era tolta il velo e lo aveva ripiegato ordinatamente su una roccia, insieme al mantello che le aveva coperto le spalle. Lunghissimi capelli neri le ricadevano sulla schiena: erano legati in un intreccio semplice e gli parvero lucenti come le pietre presenti sul greto del fiume, capaci di catturare i primi raggi del sole e trasformarli in riflessi d’ombra e mistero. Erano scostati di lato e lasciavano intravedere la pelle del lungo collo, candida e delicata.
Era la ragazza più desiderabile su cui avesse mai posato lo sguardo, flessuosa come un giunco, fragile come un fiore.
Si vergognò di averla strattonata e impaurita, provò un brivido all’idea delle mani sudice di James che le frugavano sotto la sottana.
Nelle leggende che raccontavano gli incontri degli umani con le fairies esisteva sempre un prima e un dopo. Un’esistenza del tutto normale si infrangeva e andava in pezzi davanti alla meraviglia di avere a che fare con una creatura misteriosa e incantevole.
Aonghus pensò che a lui stesse capitando esattamente quello. Non perché avesse incontrato sul serio una ninfa delle acque, una di quelle magiche creature che dimoravano nelle profondità dei laghi e salivano in superficie per sposare un mortale, ma perché non avrebbe più potuto abbassare gli occhi sulla monaca senza ricordare quel momento.

No votes yet.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image

Back to top