Lib(e)ra_Mente

Il paese dei Venti di  Cinzia Fabretti

Sette blog per un autore

Buon venerdi readers, eccoci nuovamente con la nostra rubrica settimanale, 7 blog per un autore. Un blogtour realizzato in collaborazione con altri sei blog, nato da un’idea di Federica di Gli occhi del lupo.

Sette blog per presentare un libro, attraverso parole ed immagini selezionate e create dall’autore. Sette giorni in cui attraverso tematiche e giorni prestabiliti lo scrittore può condividere con i lettori il suo lavoro e passione.

Come sempre la nostra tappa è dedicata al messaggio che l’autore vuole lasciare con il suo romanzo racchiuso in una immagine.

🌈Blog che vi partecipano:

LUNEDÌ – Tutto sul romanzo – IO AMO I LIBRI E LE SERIE TV

MARTEDÌ – Ambientazione – IN COMPAGNIA DI UNA PENNA

MERCOLEDÌ – Cast Dream – TRE GATTE TRA I LIBRI

GIOVEDÌ – Un messaggio da scoprire – ANIMA DI CARTA

VENERDÌ – Un’immagine che racconta – LIBERA_MENTE

SABATO – Intervista all’autore – VENTO DI LIBRI

DOMENICA – Intervista al personaggio – GLI OCCHI DEL LUPO

💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟

Ospitiamo, Il paese dei Venti di  Cinzia Fabretti

Ho

Titolo: Il paese dei Venti
Autore: Cinzia Fabretti
Editore: Self publishing
Genere: Avventura
Formato: Cartaceo e  Ebook
Prezzo eBook: 4,59 euro, ma gratis su KU
Prezzo cartaceo: 18 euro
Pagine libro: 510 pagine
Data pubblicazione: 25 Marzo 2024


https://www.amazon.it/paese-dei-Venti-Inurasi-ebook/dp/B0CWPXD7D4


Quarta di copertina


La sua destinazione è Inurasi, un’isola distante da ogni continente ma soprattutto priva di qualsiasi modernità, abitata da un popolo dalla mentalità chiusa, molto lontana dal mondo contemporaneo. La sua missione è tentare di ricostruire rapporti diplomatici interrotti troppo tempo prima, ma questo si traduce in un anno di lotta per la sopravvivenza. Leona è una donna in un mondo di uomini, un mondo brutale che spera solo di vederla fallire, e dove nemmeno lei sa cosa potrà trovare…


L’autrice Cinzia Fabretti vi propone di seguirla in questa ardita avventura a Inurasi. Dopo un primo romanzo autoconclusivo ambientato tra le nevi, La leggenda di Mezzafaccia, la sua penna si sposta nell’Oceano Australe, a esplorare Inurasi e conoscere la sua gente, aprendo la strada a una serie di romanzi che attendono solo il vostro consenso.


Sinossi


Un’autorevole Federazione garantisce la pace sul pianeta ma Inurasi, isola in pieno oceano, rifiuta di aderirvi e anzi interrompe ogni rapporto con l’estero.
Per cinquant’anni la comunità internazionale spinge per ristabilire almeno dei rapporti diplomatici, ma per il regime inuri tutti gli stranieri sono demoni pericolosi.
Quando infine si apre uno spiraglio di dialogo la confederazione sceglie una giovane donna, ultimo rampollo d’una famiglia di grandi tradizioni militari e diplomatiche, della complicata missione di avvicinamento. Leona accetta spinta dalla fede incrollabile che una coesistenza pacifica sia sempre possibile.
Trascorrerà un anno in una caserma inuri, mescolata ai loro allievi, per provare quanto siano assurdi gli stereotipi del federale fiacco e disonesto e della donna creatura fragile e inferiore. Questo tempo si rivelerà però solo una esasperante, atroce lotta per la sopravvivenza. Il libro narra di questo anno, dell’amore e insieme dell’odio che nasce in lei per questo paese che ha leggi intollerabili per la sua formazione liberale e moderna, e per i suoi compagni di corso, carnefici ma anche prime inconsapevoli vittime di un regime soffocante.


💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜

7 blog per un autore, blogtour realizzato in collaborazione con altri sei blog, da un’idea di Federica di Gli occhi del lupo. Come sempre la nostra tappa è dedicata al messaggio che l’autore vuole lasciare con il suo romanzo racchiuso in una immagine.

💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜💜

Un’immagine che racconta
UN IMMAGINE CHE RACCONTA
Proponici una o più immagini rappresentative del tuo romanzo spiegandone la scelta.


 

 

Ho raccolto l’invito ed ecco a voi un collage che vi parla del romanzo, radunando otto immagini che vado a spiegarvi. 
La mappa geografica vi presenta l’isola di Inurasi, ambiente del romanzo. Si osserva come l’isola si sviluppi in longitudine, la sua regione più a Nord sfiora il -25° grado di latitudine. Il territorio si allunga poi molto verso il sud. La sua superficie approssimata è di centoventiquattromila chilometri quadrati, quasi quanto l’intera grecia che noi conosciamo, e circa un terzo del paese è montuoso. Per ulteriori particolari occorre leggere il romanzo.
Il gruppo di uomini in divisa bianca introduce la caserma, che è più nello specifico il luogo dove si svolge la vicenda. La donna con l’arco è Leona, la protagonista, l’arco è una disciplina in cui riesce a tenersi alla pari con gli altri allievi. La catenina col ciondolo è un ricordo importantissimo per la ragazza, ma di più non posso dire. La rosa dei venti allude alle antiche divinità dell’isola, i venti, che vengono citati nel titolo. 
Infine le tre immagini sul bordo destro sono: 
La prima è la bandiera di Inurasi, l’azzurro intenso del suo sfondo è stato scelto per ricordare che è un’isola, simboleggiando l’abbraccio del mare. In questo campo azzurro troviamo poi la croce del sud, la costellazione più nota dell’emisfero australe (siamo in pieno oceano pacifico, parecchio al di sotto dell’equatore) nonché la rosa dei venti. Questo perché nelle credenze religiose più antiche dell’isola i venti erano la manifestazione degli spiriti creatori del mondo, padroni del destino di ogni creatura. 
 
La seconda immagine, quella con le scogliere contro cui si infrange l’oceano, è sia un’immagine fisica dei confini orientale e meridionale dell’isola, che ha in quelle direzioni coste inospitali e quasi inaccessibili, sia metafora dell’atteggiamento ostile e respingente delle popolazione.
La terza immagine, infine, il lume a olio, vi rammenta che a Inurasi l’elettricità è conosciuta ma proibita, e dunque l’olio e le torce sono la normale, modesta fonte di luce al calare del sole.