Lib(e)ra_Mente

Cristiano Pedrini è tornato!


❤️ L’angelo caduto è il titolo del so ultimo romanzo, disponibile on line. Personalmente lo ho letto in anteprima e lo ho adorato!

Amo i gialli e thriller e quindi sono molto esigente, Cristiano Pedrini non mi ha deluso!

La trama è articolata e ben costruita, lo stile narrativo scorrevole, i personaggi vividi e interessanti la crescita dell’autore spicca tra le pagine che si susseguono veloci. L’angelo caduto si discosta a mio parere dalla comfort zone di Cristiano Pedrini e sono certa che sarà un successo! Inoltre…

Parte dei proventi di questo libro saranno devoluti alla Colonia felina del Cimitero Monumentale Milano e del Castello Sforzesco, curata da alcune volontarie, che si adoperano da tempo per curare e sfamare i gatti che vivono in questi spazi.



➡️Genere: Romance MM
➡️ Formato cartaceo 14×21
➡️Formato ebook: epub/mobi e pdf
➡️Pagine 254
➡️Grafiche di Valentina Modica
➡️ Illustrazioni di Luca Valli
➡️Model: Facchinetti Filippo
➡️Editing di Cristina Bollini

Link

Trama dell’angelo caduto di Cristiano Pedrini


📖«Ora l’angelo caduto mostra tutta la sua debolezza, ed è proprio in questo momento che la sua vera natura prende il sopravvento. Per pochi istanti si trasforma nell’essere perfetto, orgoglio e debolezza in lui si fondono per mostrare la vera essenza dell’uomo.»

Neal Russell, ispettore della polizia di York, ha dovuto reinventarsi la vita. Dal giorno in cui venne ferito in servizio, le sue giornate trascorrono nel timore di non essere più all’altezza dei propri compiti. Egli percepisce la propria inadeguatezza nel continuare a vestire l’uniforme, nonostante il trasferimento ad un altro incarico e la fiducia che Helen O’Brian, suo diretto superiore, continua a riporre in lui.

La morte di un importante membro del Consiglio Comunale della città e l’incarico di garantire la protezione ad un possibile testimone, travolgono la routine di Neal che si trova costretto a convivere con una persona che sa indossare, abilmente, mille maschere diverse pur di apparire l’essere perfetto e desiderato che molti bramano di incontrare. Dietro al soprannome di “angelo caduto”, si cela un ragazzo disinibito che porta con sé l’eleganza insita nel suo nome, ma James vede in Neal solo un’altra anima da mettere a nudo, da asservire ai suoi desideri. Tuttavia, se il suo presente appare saldo, il futuro potrebbe riservare una sorte che lo accomunerà ad un nome dimenticato di un lontano passato. Per James la damnatio memoria potrebbe essere l’unica via di fuga dal tragico epilogo che si profila all’orizzonte?

Parte dei proventi di questo libro saranno devoluti alla Colonia felina del Cimitero Monumentale Milano e del Castello Sforzesco, curata da alcune volontarie, che si adoperano da tempo per curare e sfamare i gatti che vivono in questi spazi. www.facebook.com/coloniamonumentalemilano

Il blog ringrazia per la copia arch

Cosa ne penso

Cristiano Pedrini torna con L’angelo caduto un romance m/m che consiglio vivamente di leggere. L’autore, che seguo con piacere da tempo, ha dato vita a una storia intrisa di amore, intrighi e suspence.

«Ora l’angelo caduto mostra tutta la sua debolezza, ed è proprio in questo momento che la sua vera natura prende il sopravvento. Per pochi istanti si trasforma nell’essere perfetto, orgoglio e insicurezza in lui si fondono per mostrare la vera essenza dell’uomo.»

Neal Russell è un ispettore camaleontico che si destreggia tra insicurezze e ostacoli. Il cambio di città e distretto lo ha destabilizzato nonostante la fiducia del capo, Helen O’ Brian. La morte di un pezzo grosso e la sicurezza di un ipotetico testimone, James. Detto l’angelo caduto. Il soprannome di una persona enigmatica e carismatica che stravolge ancora di più la delicata situazione personale della sua bodyguard. Portandolo sull’orlo del baratro della sua esistenza.

Due uomini vecchi di esperienze e non di anni, parafrasando lord Byron. Vite che si incontrano per caso e cambiano il loro destino. Tra problemi irrisolti, paure e desideri. Di cambiamenti e felicità.

Un romanzo consigliato per emozionarsi, stupirsi e sognare.

Estratto dal Capitolo Secondo dell’Angelo caduto di Cristiano Pedrini


La mente di Neal continuava a indugiare sul rapporto che aveva letto e riletto più volte, cercando di farsi un’idea della persona che avrebbe incontrato di lì a poco. Curiosamente quel suo appellativo, dai contorni così intriganti si frapponeva al suo vero nome, James, classico e solenne, come lo era la costruzione che aveva visto stagliarsi all’orizzonte. Castle Howard era una delle residenze di campagna più importanti del Paese, sorgeva a una ventina di chilometri a nord di York, era tra le più grandi dell’Inghilterra, costruita tra il 1699 e il 1712 dal terzo conte di Carlisle. Anche se i suoi interni erano davvero sontuosi, agli occhi di Neal era la tenuta che lo circondava ad aver attirato maggiormente la sua attenzione. Vi aveva scorto numerosi monumenti, e prima di mettervi piede aveva letto alcune informazioni sul web, scoprendo che la proprietà comprendeva anche diversi villaggi.

Ormai attendeva pazientemente da venti minuti nell’imponente atrio della residenza, ritrovandosi

a osservare le alte colonne che sorreggevano la grande cupola.

Gli affreschi, racchiusi in elaborate cornici di marmo ritraevano figure mitologiche stagliate su un cielo terso, illuminate dalle ampie finestre che si aprivano sulla parte superiore.

«Scommetto che Lord Gray ama fare il grandioso imponendo queste sfibranti attese» si lamentò Neal cingendo le braccia dietro le spalle, voltandosi verso alcuni busti di marmo. Quei volti sembravano tutti accigliati e forse, guardando quell’austero ambiente, ne avevano ben motivo.

«Percival ha molti difetti, e uno dei più discutibili è quello di proteggere eccessivamente la mia privacy, e la sua, ovviamente…» La voce che provenne dalle sue spalle era calma e pacata, ma suscitò lo stesso un senso di apprensione. Si girò lentamente, ritrovandosi davanti a quello stesso volto che si era ritrovato a osservare più volte mentre rileggeva il rapporto consegnatole da Helen. Nonostante le poche informazioni, più si ritrovava a fissare quella fotografia, più si accorgeva di quanto quell’appellativo fosse quanto mai azzeccato. La sua bellezza era indiscutibile e quegli occhi bruni erano capaci di vincere ogni resistenza, mostrando un perfetto equilibrio tra dolcezza e impertinenza.

«Immagino che tu sappia chi io sia» osservò il ragazzo, «mi spiace che tu abbia fatto questo viaggio per nulla.»

«Veramente, speravo che mi concedessi almeno qualche minuto…» commentò Neal,

seguendone con lo sguardo i movimenti. Lo vide guardarsi attorno, incrociando le braccia al petto.

«Stai perdendo il tuo tempo» gli disse, oltrepassandolo.

«Può darsi James, ma io comunque vengo pagato lo stesso, nonostante il risultato» sorrise Neal seguendolo.

«Beh, anche io» annuì il ragazzo aprendo il pesante portone dell’ingresso. «Io vado a fare il

mio quotidiano jogging, se riesci a starmi dietro.»

Neal alzò lo sguardo al cielo, ma non aveva scelta. Si era immaginato di poter parlargli seduto davanti a una buona tazza di tè e non certo di inseguirlo per tutta la tenuta. Lo seguì, uscendo dalla residenza, accompagnandolo lungo un sentiero che saliva verso la collina.

«Io mi chiamo Neal Russell…» gli disse, allentandosi il nodo della cravatta.

«Molto lieto, beh, tu sai già chi sono» replicò James senza neppure voltarsi, continuando a correre.

«Sì, ma visto che siamo in argomento, ho letto del tuo soprannome, è molto particolare.»

«Vorrei prendermi il merito, ma non sono stato io a sceglierlo. Fu il mio primo cliente… era

un professore di arte.»

«Ah, io… sì capisco…» indugiò Neal.