SEMrush

Johnny di Isaac Monroe

Buongiorno readers, oggi il blog vi parlerà di un libro intrigante e ricco di sfumature noir, Johnny di Isaac Monroe. Edito dalla Bre’ edizioni alla fine dell’anno scorso. Che ringraziamo insieme all’autore per la copia omaggio.


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare il libro recensito, clicca sul banner all’inizio dell’articolo! Tu non spendi un soldo in più e ci aiuti a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Sinossi

Johnny è un ragazzo come tanti, almeno in apparenza. Vive con la madre Brenda nella grande casa sulla riva ovest del lago Pushaw, nel Maine, acquistata diversi anni prima dal padre, prima che decidesse di sparire nel nulla senza alcuna spiegazione. Nonostante sin da bambino sia cresciuto senza la figura paterna, Johnny è diventato un adulto responsabile. Ha un buon lavoro in un negozio di bricolage e articoli per il giardino e contribuisce alle ordinarie spese di casa. Non ha amici, ma la cosa non gli pesa, anzi, ritiene che spesso le persone siano soltanto un fardello, come il suo collega Ben. ad esempio. Un giorno però conosce una ragazza, Diana, e se ne innamora perdutamente. Johnny si convince che sia il tassello mancante nella sua vita: l’amore. Oppure no, forse è soltanto la goccia finale che farà traboccare il vaso della pazzia del ragazzo e farà precipitare il povero Johnny nel baratro. Il capitolo finale di una storia che è stata scritta già molto tempo fa e di cui Johnny è ormai, suo malgrado, solo un inconsapevole spettatore. L’ultimo atto di un’opera tragica e maledetta. L’ossessione per Diana, l’assurda gelosia nei suoi confronti, indurranno Johnny a compiere atti crudeli e fuori da ogni logica, in un vortice di follia che lo porteranno a scoprire il suo vero Io, il volto che si nasconde sotto l’apparenza da bravo ragazzo. Una maschera che si è costruito negli anni e che solo sua madre ha sempre saputo che indossava.

 

 

Johnny è un ragazzo di quasi trent’anni, un passato in apparenza come molti altri. Una famiglia benestante che abita in una zona residenziale. Nonostante la scomparsa improvvisa del capofamiglia, uomo stimato e rispettato in città. La sua nomea ha permesso al figlio di trovare facilmente lavoro per contribuire alla economia familiare e costruirsi un futuro.  Anche grazie alla sua aria da bravo ragazzo, l’educazione ed il rispetto. Johnny è un tipo responsabile, maturo. A volte irascibile. Ma nulla di preoccupante. In apparenza tutto sembra perfetto. Una classica famiglia mono parentele americana. La vita del protagonista e la madre, Brenda procede senza grandi scossoni, il ragazzo ha pochi amici e tra i colleghi di lavoro ha qualche antipatia. Come chiunque.  L’autore penetra nella quotidianità e la descrive con maestria, nella sua semplicità che avole diviene banalità. Tutto cambia quando appare Diana. Una ragazza semplice che inizia a frequentarsi con Johnny fino a gare coppia fissa. Ambedue lavorano e non hanno fretta di cambiare. Ognuno abita nella propria casa, si incontrano la sera dopo i vari impegni e godono appieno della compagnia dell’altro. Il tempo insieme sembra non bastare mai, hanno voglia di conoscersi meglio. Così lui una sera decide di farle una sorpresa. La và a prendere alla fine del turno di lavoro. E da quel momento  tutto cambia. Si  potrebbe quasi dividere il romanzo in due parti. Il prima e il dopo. Johnny di Isaac Monroe è una storia intrecciata benissimo e dal ritmo incalzante. I colpi di scena mantengono alta l’attenzione insieme alla suspense intrisa nelle pagine. Un racconto poliedrico e ricco di elementi psicologici, misteriosi e horror. Personalmente sono rimasta molto stupita dal cambio di registro della seconda parte(come accennato precedentemente, è una mia libera interpretazione del romanzo), che presenta elementi comuni alla prima  ma con una cadenza più veloce. Gli eventi si susseguono in modo più rapido, la fine sembra sempre più vicina. L’autore dimostra di avere dimestichezza con la scrittura, i piani temporali e gli aspetti psicologici. Insieme a buone basi letterarie e cinematografiche. Mixa tutto perfettamente.  Alcune caratteristiche del protagonista mi hanno ricordato  Lo strano caso del Dottor Jekyll e Mr. Hyde. Jekyll alla luce del sole era  un rispettabilissimo medico, di notte diventava un mostro, capace di fare qualunque cosa . Ecco, Mister Hyde rappresenta l’ombra, il lato oscuro.  La sua manifestazione fisica. A trattare esaurientemente l’argomento fu soprattutto Carl Gustav Jung, il celebre psicoanalista svizzero. L’ombra individuale, per come la intende Jung, è una componente della personalità, il lato rimosso, “il fratello oscuro”, ovvero tutti quei “difetti” (o presunti tali) che non ammettiamo di avere perché inaccettabili alla luce della coscienza. L’Ombra personale è il frutto di tutto ciò che abbiamo rimosso nel corso del nostro percorso di crescita a causa delle restrizioni di tipo etico-morale dovute all’ambiente di formazione. Per fare un esempio concreto, pensiamo a un uomo avido che non riconosce questa sua caratteristica negativa e che, quindi, proietta sugli altri l’avidità stessa. Non riconoscendo la sua avidità egli giudica negativamente gli avidi, che guarda caso incontra spesso sul suo cammino( Fonte). Solitamente l’essere umano non è consapevole di questo meccanismo e convive con la certezza che il male appartenga agli altri. E non a se stessi. Ciò che si detesta nel prossimo è il così detto, lato oscuro. Rimosso dalla coscienza. Questa teoria la ho ritrovata, ripresa dall’ autore e resa perfettamente, nel ruolo dell’ispettore Scott.  Un uomo silenzioso, attento al dettaglio che con arguzia cerca di districare una matassa. Per arrivare al bandolo. Nonostante l’ apparenza, lui è consapevole che l’uomo si “cristallizza” in forme individuali. Che si sgretolano verso la realtà nuda e cruda dei fatti. Solo così, sembra suggerire l’ ispettore, è possibile costruire un unico puzzle. 

Johnny di Isaac Monroe presenta un plot dalla struttura organizzata e ben sviluppata. Ambientazione e personaggi sono ben delineati, soprattutto dal punto di vista emotivo e psicologico. Lo stile dell’autore è semplice e scorrevole. Una lettura consigliata agli amanti del genere, ed anche a chi è solamente curioso.

 

 

 

…. Ciò a cui avete appena assistito potrebbe essere la fine di un incubo piuttosto terrificante. Non lo è.  È soltanto l’inizio…

Threatened- Michael Jackson

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image