SEMrush

Blogger a confronto con… Ilenia Bernardini!

Eccoci al secondo appuntamento con le mie antipatiche interviste!

Oggi è la volta di Ilenia Bernardini! Welcome! Welcome! Welcome!

“Ogni autore lascia una traccia sul testo” 

Chi sei, ci lasci alcuni link per raggiungerti sul web?
Ciao! Intanto grazie per lo spazio che mi concedi! Mi chiamo Ilenia Bernardini, sono una delle amministratrici fondatrici del blog “Libri e altri Disastri” che potete trovare ai seguenti link:
Blog http://libriealtridisastri.blogspot.it
Facebook www.facebook.com/libriealtridisastri
Gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/723508594499539/?fref=ts
oltre a essere blogger, sono anche un’autrice. Ho scritto due romanzi rosa, un chick lit e un contemporaneo. Sono una moglie che ormai non dorme più di 4/5 ore al giorno ma che ha la casa sempre sottosopra, soprattutto grazie ai due cani/iene che riempiono la nostra vita di peli!
Cosa fai, perché lo fai e da quanto lo fai?
Praticamente mi occupo di tutto! La cosa bella del blog è l’aver creato una famiglia, siamo amiche ancora prima che colleghe. Io e le altre amministratrici abbiamo un file organizzativo, dove segniamo ogni cosa. Io e Stefania, il mio braccio destro, siamo le più folli, quelle che non si fermano mai. Due carri armati praticamente. Comunque, ho iniziato a collaborare con un blog a settembre 2016 circa, per poi diventare amministratrice in un altro. Purtroppo, per problemi che non voglio spiegare nuovamente, il 10 luglio 2017 quel blog è stato chiuso senza ragione: il blog “Libri e altri Disastri” è nato l’11 luglio, mentre ero seduta sul letto. Ho aperto tutto da cellulare, nel giro di cinque minuti!! Adoro occuparmi del blog, solitamente sono disordinata ma non quando mi occupo dell’organizzazione. Adoro relazionarmi con lettori, scrittori ed editori, anche se qualche volta capitano persone che fanno venir voglia di mollare tutto.
Il libro più bello che tu abbia mai letto? (E non sarà un giudizio di poco conto!)
Ce ne sono milioni, non riesco a fare una classifica definitiva! Tendo sempre a lasciarmi influenzare dalle letture recenti; ad esempio, in questo periodo, “Amore senza ombre” di Jay Crownover – in uscita il 25 gennaio con HarperCollins Italia – è uno di quei libri che mi ha sconvolto, mi ha fatta piangere e riflettere, lanciando un messaggio importante.
Schermata 2018-01-26 alle 17.26.13
L’autore che stimi di più e perché.
Adoro tanti autori, self o CE, italiani o stranieri… potrei dire Colleen Hoover o Jay Crownover tra le straniere, perché sono sempre straordinarie, scrivono divinamente e non se la tirano affatto! Più volte hanno risposto sui social, e non è poco.
Il profilo dello scrittore perfetto qual è?
Non credo esista un profilo perfetto. Quando mi approccio a un nuovo autore, più o meno famoso, self o CE, cerco delle tracce di realismo, di vita vera nel suo scritto. Ogni autore lascia una sua impronta nel testo. Cerco una persona onesta, che è in grado di accettare allo stesso modo una critica o una lode. Chi decide di scrivere deve metterci impegno, interesse nell’offrire un prodotto valido, come storia, come pulizia di testo, senza che il lettore non possa trovare errori ortografici da prima elementare.

Completa la frase:


L’editoria italiana va a rotoli perché…
a volte vengono proposti libri che non meritano, vuoi per storia, forma o errori; a volte vengono venduti libri a prezzi esagerati.

Amo gli scrittori italiani perché…
adoro poter parlare con un autore che mi fa innamorare con il proprio lavoro.

Odio gli scrittori italiani perché…
alcuni si credono arrivati al primo scritto pubblicato, senza accettare critiche costruttive.

Verità amare di una blogger/Influencer :
per quanto ti impegni, non avrai mai abbastanza tempo per leggere l’elenco infinito di libri che hai. Le giornate non dureranno mai abbastanza, continuerai ad accumulare lavoro, articoli da programmare, recensioni da scrivere o da pubblicare su Amazon. Diventi blogger e, in confronto, il Bianconiglio non ha problemi di orari!

I libri non hanno successo quando…
sono scritti pensando solo alle classifiche, solo alle vendite.

Un autore non ha successo quando…
tratta il lettore come un numero, lo tratta con superiorità..

Secondo te, scriviamo in troppi? Pubblicare è alla portata di tutti?
Il self publishing, tramite Amazon o le altre piattaforme, permette a chiunque di pubblicare. Penso che non sia un problema il fatto che scriviamo in troppi, la differenza la fa l’intelligenza dell’autore: se un autore pubblica un buon prodotto, una buona storia e non si atteggia a Dio della letteratura, ben venga!

Le dieci cose che un blogger non deve fare mai…
Urca, dieci cose… vediamo…
1) Non credere di essere il blogger migliore al mondo.
2) Non rispondere alle mail.
3) Dare per scontato il parere del lettore.
4) Rubare il lavoro di altri blogger.
5) Screditare i colleghi, pensando così di diventare il numero 1.
6) Credere di arrivare ovunque.
7) Non essere arrogante con chi chiede qualcosa.
8) Raccontare tutta la storia nella recensione.
9) Svelare spoiler senza ben segnalarli
10) Non bisogna mai piegarsi davanti ai bulli… perché anche in questo mondo ne troviamo!
Le dieci cose che uno scrittore non deve fare mai…
1) Non credere di essere arrivato al primo libro pubblicato
2) Mai affidarsi a case editrice a pagamento
3) Non scrivere solo per scalare una classifica o guadagnare soldi
4) Possibilmente, scrivere solo cose proprie. Se devi copiare per pubblicare, lascia perdere
5) trattare il lettore come se fosse un numero, un bancomat da cui prendere soldi
6) Pretendere di avere successo, tutto e subito
7) Denigrare il lavoro di altri autori, solo per sperare di fare meglio
8) Evitare polemiche sterili, solo per fare “audience”, per catturare un lettore in più
9) Pubblicare una storia senza aver fatto il possibile per renderla senza errori
10) Non fare annunci con dati esorbitanti di vendite… al lettore non interessa


Le dieci banalità che ti hanno stufato nei libri di oggi…
Non ne trovo 10, vi accontentate di 4?! 😛
1) Trovare storie identiche
2) Usare avvenimenti assurdi solo al fine di creare suspense
3) Scendere nel banale
4) Scene di sesso che non sono scritte neanche nel kamasutra, talmente improbabili.

***

Da autrice ti ringrazio per il duro lavoro e la passione che metti nel tuo blog! Grazie.
Se vi piaccio almeno un po’ lasciatemi un like! 😉

No votes yet.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image

Back to top