SEMrush

Review party, Love the darkness di Nicole Teso

Buongiorno readers, oggi vi parlerò dell’ultimo capitolo della trilogia” Loving the demon” di Nicole Teso.

 

 

Titolo: Loving The Darkness
Autrice: Nicole Teso
Genere: Dark Romance
Pagine: 326

 

Sinossi

 

È finita. Sto scappando… Finalmente, il mio rapitore non mi farà più del male”.
È questo che penso mentre corro tra le vie di Las Vegas.
Sono libera, ma voglio vendetta. Non riesco a smettere di pensare a Jake, all’uomo che mi ha tolto tutto, al carnefice che ha tormentato le mie notti.
La libertà ha un prezzo. Il mio è essermi innamorata dell’uomo sbagliato.

“Ti troverò, Angelo. Anche a costo di impazzire”.
È questo ciò che penso mentre sfreccio tra le vie di Las Vegas, ossessionato dalla donna che mi ha rubato il cuore.
Ho lottato contro i miei sentimenti, li ho calpestati nella speranza che morissero, li ho ignorati come se fossero insignificanti.
Ma ora voglio te, Brittany. Ti voglio come l’aria che respiro. E che la mia anima sia dannata, farò di tutto per raggiungerti.

 

ATTENZIONE: Il romanzo contiene scene sessualmente esplicite destinate a un pubblico adulto.

 

 

Dopo Loving the darkness e Loving the Angel arriva il finale della trilogia. Prima di parlarne, rivediamo i capitoli precedenti.

Loving the darkness” ha preso vita per chiudere una storia intensa e tumultuosa.

Bentornati nel mondo oscuro di Jake e Brittany.

 

In Loving the demon  abbiano conosciuto la violenza, oscurità ed illegalità che legano i protagonisti, lei ha 25 anni, è orfana e decide di ricominciare nella città degli angeli, Las Vegas. Inizia a lavorare come segretaria in un’importante ditta automobilistica. Durante una serata con le amiche viene avvicinata da un bell’uomo tatuato, Jake. Da qui inizierà un avventura al limite, Jake droga la donna e la rapisce. Il malvivente sembra abbia poco rispetto e interesse per la vita umana ma  alla fine finisce per sviluppare sentimenti positivi e simpatia verso la sua preda che ha sequestrato, rapito, maltrattato, picchiato. Una condizione psicologica complessa che lo stesso sequestratori fatica ad accettare, non hai creato legami emotivi o provato empatia. Questo lo sorprende e spaventa.

 

 

 

..Nel tentare di nascondere i miei segreti, barcollo. Infine cado. Confesso. Dico ciò che ho saputo dal primo momento in cui ti ho vista, Angelo. Ciò che mi sono rifiutato d’ammettere. Ciò che ha cambiato le carte in tavola..

 

 

Ricordate il finale? Brittany era in una pozza di sangue per opera di Nancy, la sua migliore amica. Jake era combattuto se lasciarla morire o aiutarla…

Avevo lasciato la loro storia con molte domande irrisolte che speravo di sciogliere nel secondo volume.

In Loving the Angel l’autrice presenta Jake Evans con luci ed ombre. I suoi tormenti vengono svelati regalando al lettore nuove chiavi di volta .. Loving the Angel presenta una scrittura meno acerba confronto al primo volume.

La trama è ben sviluppata ed in grado di incuriosire il lettore. Ed è molto più presente la parte psicologica, soprattutto in Brittany che rischia nuovamente di essere catturata e sconvolta dalla tempesta di lui.  Sono come due calamite..

Un rapporto difficile e tormentato che ricorda molto la differenza tra angeli e demoni. Che sono in ognuno di noi. La scrittura dell’autrice è sempre lineare, fluida e precisa. E come anticipavo precedentemente, più consapevole e matura.

 

*****Attenzione, spoiler trilogia*******

Dove eravamo rimasti?

Brittany, aiutata da Abbie ( un altra paziente), era scappata dall’ospedale psichiatrico. Le due sono fuggitive non hanno una meta ma  la volontà di allontanarsi il più possibile per non essere riprese.

La nostra protagonista è come un centrifugato di emozioni, paura, sgomento, ansia e paranoia. Non è del tutto lucida purtroppo. Soprattutto perché è tormentata dal pensiero di Jake.

Lui la vuole a tutti i costi. Lei è il suo angelo…

 

..”Parlare del mio carnefice ad alta voce sortisce una sorta di effetto domino. I ricordo si innescano uno dopo l’altro: il bacio in mezzo alla pista il risveglio in una cella. Le lotte senza fine. Il terrore. Jake è nella mia testa e cresce a dismisura, come una gramigna che infesta le colture, le fa appassire e non sparisce mai”..

 

 

Jake decide di andare a riprenderla, non considerando che il suo impero sta vacillando. Troppo potere e collaboratori possono creare impedimenti. Soprattutto se le debolezze del leader vengono messe in luce e perderà di credibilità. Il colpo di stato attraverso il tallone di Achille è assicurato! Ed è qui che entra in gioco Jason Cass, il braccio destro di Jake. Ossessionato da Brittany ed avrà un ruolo importante in questa nuova storia densa di colpi di scena ed imprevisti.

L’autrice già nel capitolo precedente aveva introdotto questo personaggio che a volte interveniva nel Pov alternato dei due protagonisti. In questo nuovo capitolo approfondiamo questa conoscenza che, credo diventerà basilare per un futuro spin off.

Perché Jake, nonostante la redenzione verso il suo angelo, rimane un assassino  psicopatico che ha rapito, seviziato, donne che ha indotto alla  prostituzione.  Il passato ci rende ciò che siamo e ciò che è stato non si può dimenticare, soprattutto se si ha un socio criminale e ai limiti della follia omicida. Che vuole proseguire  la sua vita sulla strada già iniziata.

Jake e Brittany dovranno fare una sorta di riabilitazione mentale e fisica mentre il male li rincorre. Molti i colpi di scena e situazioni al limite, la forza della protagonista esploderà aiutando anche il suo compagno a riprendere in mano la situazione. Tra alti e bassi di una coppia anomala, nata da una violenza da parte di un uomo poliedrico ed eccessivo verso una donna in apparenza debole e che in realtà ha imparato ad amare il suo carnefice. Nella sua totalità, rendendolo la sua personale ossessione ed oggetto d’ amore. Sentimenti estremi che crescono insieme ai personaggi che abbiamo visto maturare tra le pagine della trilogia, ce lo stile e la fantasia dell’autrice.

Brittany e Jake sono come due facce della stessa medaglia, la vita; l’uno senza l’altro non esistono.

 

Personalmente dopo un approccio non proprio positivo con il primo volume della serie in cui non ero entrata in empatia e sintonia con i personaggi dei personaggi (e lo stile di Nicole lo ho trovato acerbo), ho iniziato a ricredermi con il secondo. Come anticipato sia Jake che Brittany sono migliorati, come lo stile dell’autrice. Questo ultimo capitolo me lo sono goduto appieno!

 

Rating: 5.00/5. From 1 vote.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image

Back to top