SEMrush
Romance

Recensione, I migliori anni della nostra vita di Rodolfo Baldassarri

Il 22 marzo 2021, Rodolfo Baldassarri inaugura questa nuova primavera con un romanzo appassionante, “I migliori anni della nostra vita”, sequel della trilogia di successo “Il filo rosso del destino”, è incontro, passione e sentimento.

 

🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺

Rodolfo Baldassarri racconta, con il suo nuovo libro, la parabola di una vita, la ricerca della felicità e il cammino da percorrere per raggiungerla. Il protagonista del romanzo, Valerio, è un uomo che pur soffrendo ha la capacità caparbia di inseguire il suo destino e di ritrovare la strada del cuore. Una strada impervia che si snoda in luoghi da sogno: Amalfi, Positano, Maremma Toscana, Crete Senesi e il Tirolo con il suo Wilder Kaiser sono solo alcuni dei posti in cui Valerio vivrà il suo destino.

🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺

“Questo romanzo rappresenta per me qualcosa di particolare. Un cambiamento con il passato. Molto personale e sofferto, scritto con dolore, sangue e amore. La mia storia. Mi auguro che i lettori apprezzino il mio lavoro.” 

Rodolfo Baldassarri

🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺

Sinossi

 

Una storia d’amore che finisce è sofferenza. Ne è conscio Valerio, che dopo la rottura della relazione con Anna è caduto in un baratro dal quale fatica a riemergere. Ma è anche opportunità: di riscoprire sé stesso, di vedere ciò che prima era offuscato da un amore tossico.

E quando sulla sua strada compare Maria, Valerio capisce che da una relazione si può tornare a vivere, di nuovo.

“I migliori anni della nostra vita” è un romanzo toccante, in cui antica saggezza popolare e ritmi lenti si fondono con l’ebbrezza di una vita sempre in movimento. Una storia che ci fa riflettere, ci fa immergere in panorami dalle tinte calde e pastello, ma soprattutto ci fa sognare.

Perché l’amore, quello vero, esiste. Basta saper aspettare.

 

La cornice la forniscono luoghi da sogno come il Tirolo e il suo Wilder Kaiser, la Maremma, la Costiera Amalfitana o la bellissima Sardegna.

 

“Altre valigie da portare giù, cerco le chiavi di casa Ma questa non è casa mia, più mia. I libri
Quelli li ho portati via, anche l’ultimo sguardo.
L’ultima fotografia.
Quella di nonna bambina.”
(Dimmelo tu cos’è? A. Venditti)

 

Inizia così il nuovo libro di Rodolfo Baldassarri,”I migliori anni della nostra vita”.

Una delusione amorosa ed il relativo cambio di vita ed abitudini. Non si è più due ma uno. La solitudine può essere assordante come i ricordi che Valerio ricerca in vecchi diari e nella memoria. Anna è stato la sua anima gemella ed il suo tutto, fino alla fine. Che è giunta come una data di scadenza da rispettare.

Per essere felice devi incontrare la persona giusta, l’amore vero e finché non lo incontri non c’è storia sentimentale che possa funzionare: sono tutte destinate a fallire in partenza.

Mille dubbi, paure e ripensamenti colpiscono in modo impietoso Valerio che si incolpa della fine della storia ma non capisce quando è cambiata e cosa ha sbagliato. È in preda ad un tsunami emotivo in cui viene sorretto da donne forti e decise, Francesca e Barbara. La prima è la sua socia ed amica, brillante ed affascinante che gli sta accanto e dedica molle attenzioni, forse in modo non del tutto disinteressato. La seconda è la sua ex ed attuale migliore amica. Marte e Venere in sintonia in nome dell’amicizia e la sofferenza maschile. Haruki Murakami scrive “Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c’è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai più lo stesso che vi è entrato.” ritratto perfetto del percorso di Valerio! Un uomo dalla mente brillante, un po’ sfortunato in amore, autore di successo che improvvisamente solo, di nuovo, ripercorre il passato per comprendere, forse il presente. Tanto da attribuire la sua sorte avversa amorosa ad un furto di amuleti avvenuto anni prima. Una trama ben costruita che scivola scorrevolmente grazie allo stile semplice dell’autore. Gli anni si susseguono come gli stati d’animo ed i ricordi, il protagonista vi si muove e destreggia con maestria e consapevolezza.

Quello che non uccide fortifica, Valerio riacquisterà fiducia nell’amore e ritroverà se stesso e le sue passioni. Tornerà ad essere libero nonostante il passato e la pandemia del nuovo millennio. Il lockdown per lui e Maria, la sua nuova donna diventerà un occasione per conoscersi nella routine  delle quattro mura domestiche. Oltre il coronavirus, le mascherine e la paura. Un libro attuale ed emozionante, l’autore sussurra speranza e piccole verità al lettore in modo naturale, tra citazioni musicali e letterarie. Sono ad un finale che mi ha sorpreso.

💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟💟

E poi lei,

lei che dona miele e ambrosia alle ore trascorse insieme.

Il mistero del suo corpo che si rinnova.

Quante interminabili dolci notti di primavera abbiamo assaporato.

Com’è sublime perdermi nell’infinito dei suoi occhi verdi,

verdi come l’incanto di questa isola da sogno.

 

Rodolfo Baldassarri è nato a Nettuno il 16 Aprile 1966 e cresciuto in riva al mare di Tor San Lorenzo (Ardea). Le radici contadine della sua famiglia affondano nel lontano 1957, anno in cui la famiglia di suo nonno paterno si trasferì dalle Marche ad Ardea. Da parte di madre invece le origini sono ben radicate nel Lazio, in un piccolo paesino dei Monti Lepini: Prossedi.

Durante gli studi universitari ha fondato il giornale di cultura e politica di Roma e provincia dal titolo Eureka.

Dal 1993 ha prestato servizio presso la Camera dei Deputati come addetto all’ufficio stampa del Vice Presidente On. Alfredo Biondi.

Dopo aver conseguito la Laurea in Scienze Politiche nel 1996 ha deciso di recarsi all’estero, in Germania, dove ha frequentato l’Università di Halle/Saale come borsista. Dopo una breve parentesi italiana, nel 2001 si è trasferito nuovamente all’estero, questa volta nel Tirolo austriaco, prima a Kufstein e ora vicino Kitzbühel dove vive e lavora. Dopo aver pubblicato oltre duecento articoli di politica, cultura e attualità, due libri di poesie e una raccolta di saggi, nel 2010 ha pubblicato il suo primo romanzo In riva al mare, seguito dal secondo due anni dopo “Infinito. Nel 2016 il terzo: Come le onde”, già tradotti anche in lingua tedesca e inglese.

L’autore ha ricevuto nel 2017 il Premio Internazionale di Letteratura “Napoli Cultural Classic”, XI Edizione di in Costiera Amalfitana.

 

 

www.rodolfobaldassarri.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image