SEMrush

Recensione natalizia#2, “la libreria dei sogni” di Elisa Crescenzi


Dicembre dovrebbe essere il mese più bello e atteso dell’anno. Questa volta, però, per Camilla non sarà così. Una chiamata della nonna Matilde stravolgerà tutto, costringendola a catapultarsi nella sua città natale di montagna. Gli affari della nonna non stanno andando per il meglio: ha un mese di tempo per rimettere in sesto la libreria, o sarà costretta a chiudere e vendere il suo piccolo negozio a un imprenditore, che vuole costruire un centro commerciale proprio in quella zona. Camilla dovrà affrontare non solo tutto quello che incombe sulla libreria, ma si troverà emotivamente coinvolta da un uomo che si insinuerà nei suoi pensieri. Riuscirà Camilla a salvare “La libreria dei sogni”, dove ha passato la sua infanzia, oppure quest’uomo manderà a monte i suoi piani?!
Natale si avvicina ed anche le lettura a tema. Noi della redazione abbiano pensato di proporvi fino alla vigilia, qualche lettura per il periodo più magico dell’anno. Iniziativa anticipata nella recensione pubblicata nell`Immacolata.
reading christmas.jpg
Il romanzo di questa seconda settimana è : la libreria dei sogni.
Un titolo suggestivo e fiabesco per un libro dolce, delicato che trasporta il lettore nel magico mondo di papà Natale tra alberi addobbati, luci e speranza . Un toccasana pre feste che fa sorridere e sognare epiloghi felici, come nelle favole.

Cominciamo dall’inizio:
Camilla frequenta l’università, è molto legata alla sua famiglia e le tradizioni.
Una telefonata improvvisa fa tremare il suo mondo, la libreria della nonna rischia di chiudere. Tra pensieri e dubbi la protagonista si mette in viaggio per salvare l’attività ed i suoi ricordi di infanzia. Mettere qualche chilometro tra la routine e responsabilità per dedicarsi al salvataggio della libreria dalle vetrine spazioso, odorosa di inchiostro, carta ed incenso. Un luogo magico che vuole far sopravvivere nonostante kindle, ebook e nuove tecnologie. Sarà lei a far entrare la libreria dei sogni nel nuovo millennio.
Appena arrivata i ricordi la travolgono come i paesaggi mozzafiato. Montagne e nuvole infinite come benvenuto.  Un libro che incanta con la descrizione della natura, della piccola realtà di paese dove tutto sembra immutato eppur diverso etra queste vie conosciute la ragazza scongelerà anche il suo cuore.
Un romance paragonabile ad balsamo per animi stressati da gustare davanti un caminetto acceso ed in compagnia di una cioccolata calda. Un po’ di tempo per sé, per tornare a sognare ed amare.
“Le cose più dure, spesso, sono le più fragili. Se non vengono maneggiate con la giusta attenzione, si rischia di farle andare in mille pezzi.”
Pur non dimenticando tematiche importanti come la globalizzazione che si ripercuote sulle piccole attività e molte volte le fa scomparire, la mancanza di valori e la società che tra frenesia e consumismo sembra dimenticare il valore delle piccole cose.
Un raccontato natalizio delizioso che come tutte le favole regala uno stupendo happy end descritto magistralmente dalla penna delicata dell’autrice che tratteggia caratteri, pensieri ed emozioni con bravura e sensibilità. La trama scivola veloce tra le pagine tanto che a volte si ha voglia di rallentare per non perdere la compagnia di Camy, nonna Matilde e Cristian.

 

No votes yet.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image

Back to top