SEMrush

#recensione, PAGINE DAL PASSATO di Maria Luisa Duma

 

DATA DI PUBBLICAZIONE: 30 Novembre 2020
TITOLO: Pagine dal passato
 

AUTORE: Maria Luisa Duma

GENERE: diario – paranormal

EDITORE: PubMe (Segreti in giallo)

 

Estate 1983. Fabiola e Melissa, ventenni e amiche da sempre, si ritrovano a trascorrere le vacanze ad Otranto con i genitori di entrambe e il fratello di Fabiola, il quattordicenne Giacomo, sulla sedia a rotelle da quando aveva sei anni.
Il ritrovamento di un diario misterioso in una vecchia villa decadente sarà lo spunto per una sfida che metterà a dura prova l’amicizia delle due ragazze e spalancherà loro un mondo di emozioni e sentimenti contrastanti.
Cosa si cela, in realtà, dietro le pagine di quel diario? A chi apparteneva?
Un passato non molto lontano tornerà a riaffacciarsi e con esso antiche ombre e strane presenze.
Un viaggio malinconico e intenso alla scoperta di se stessi e del profondo valore del perdono.

 

 

 

PAGINE DAL PASSATO di Maria Luisa Duma è un libro delicato e sorprendente, ringraziamo la casa editrice per la copia ebook fornitaci( senza scopo di lucro). Un viaggio nel tempo ricco di suspence e colpi di scena. L’autrice è stata una piacevole scoperta per Faby che ha recensito, PAGINE DAL PASSATO di Maria Luisa Duma per il blog. Dopo un lento inizio, il libro di è ripreso nella seconda parte. Vediamolo nel dettaglio e cosa ne pensa Faby..

Melissa e Fabiola sono amiche di infanzia, i genitori si conoscono da sempre e sono anche soci in affari. L’estate dell’83 affittano tutti insieme una grande villa ad Otranto, con loro c’è anche Giacomo, fratello paraplegico di Fabiola. Le ragazze ventenni dopo aver finito gli studi hanno voglia di relax, divertimento e tempo per capire cosa fare da grandi.
Il giardino della villa diventa il loro habitat quotidiano, ammirano ed esplorano, scoprendo una cascina diroccata. Durante la perlustrazione tra ragnatele e vecchi mobili trovano una pila di libri di poesie, tra di loro c’è un diario segreto. Decidono di non leggerlo ma integrarlo, strappando le vecchie pagine già scritte che ripongono con attenzione.
Da qui ha inizio una nuova avventura..
Le giornate volano veloci tra escursioni, desideri ed affetti. Il diario presenta i punti di vista delle due protagoniste, con le loro fragilità e sentimenti. Scrivono a turno, con uno stile molto adolescenziale in apparenza, immaturità probabilmente voluta dall’autrice per delineare il passaggio all’età adulta.
avevo ancora troppe cose da comprendere, da risolvere. Da sola. 
Riga dopo riga i loro ragionamenti prendono forma, i loro pensieri relegati in pagina che li custodirà gelosamente. Come era accaduto in passato. La forma epistolare e la peculiarità del diario donano al lettore una conoscenza approfondita dei personaggi dal punto di   vista cognitivo. Perché esistono certe situazioni in cui la  mente è paragonabile a un groviglio di fili difficili da sciogliere e mettere nero su bianco può chiarire le emozioni e… risolvere le situazioni.. Leggere sentimenti sinceri e senza filtri, aiuta il cervello a regolare le emozioni  . La scrittura lenta e catartica coinvolge totalmente, regalando emozioni globali.
Un percorso a più voci, in poco tempo le loro vite verranno rivoluzionate, i rapporti soverchiati e le verità svelate. Ed a tutto questo si aggiungerà un enigma da risolvere.
Domande inespresse che troveranno risposte grazie a molti elementi mescolati perfettamente in cui passato e presente si intersecano inevitabilmente creando una trama che prende forma con lentezza. Il libro nella seconda parte diventa più agile, la scrittura più veloce ed incalzante. Tutto diviene più intenso ed amplificato dopo un inizio lento e descrittivo. 
Leggere ti aiuterà a capire solo in parte quel che accade. Sta a te dare un senso a ciò che leggi. Sta a te scegliere a cosa credere. Trai le tue conclusioni ma affrettati a decidere cosa fare. Dopo. Il tempo sta per finire. E io non potrò più aiutarti.
Amicizia, amore, tradimenti e bugie, con un finale inaspettato e scioccante!
I protagonisti sono ben descritti psicologicamente, il plot costruito egregiamente, il ritmo dalla narrazione di riprende nella seconda parte. Nel complesso, PAGINE DAL PASSATO di Maria Luisa Duma è una buona compagnia per un pomeriggio ozioso, magari in compagnia anche di un tra caldo ed un plaid morbido. Soprattutto considerando il freddo di questi giorni.
Spero di avervi incuriosito e che ora non vediate l’ora di correre a leggere PAGINE DAL PASSATO di Maria Luisa Duma.
L’autrice

Maria Luisa Duma nasce a Galatina (Le) dove risiede. Ama sin da piccola le storie sui fantasmi e tutto ciò che è avvolto dal mistero. Adora il mare e le passeggiate nella natura. Si dedica per un periodo alla recitazione teatrale prima di concentrarsi sulla stesura del suo primo romanzo che è un insieme di ciò che l’ appassiona.

 

 

Rating: 4.00/5. From 3 votes.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image

Back to top