SEMrush

Recensione,”call center dieci storie dietro un filo” di Aleandro Jones

Sinossi

Sei sicuro di sapere com’è veramente l’ambiente dei Call Centers?

Non lo scoprirai veramente. Non prima di aver letto questo libro esilarante, ispirato a delle storie vere.

Call Center: 10 storie dietro un filo

Un po saggio, un po romanzo. Scoprirai com’è l’ambiente dei Call Centers dall’interno, ma sopratutto in un’ottica differente rispetto alla mera parte commerciale. Call Center significa anche persone, esperienze, vite vissute, storie vere.

 

Premessa necessaria: ho lavorato per diversi mesi in un call center outbound dopo la laurea. Un ambiente dinamico, giovane e con molti lati oscuri. Mi sono scoperta, mio malgrado, una brava venditrice. Ritrovandomi nel film” tutta la vita davanti”.

Fortunatamente ho lasciato poco dopo quel mondo per dedicarmi alla scrittura, come addetto stampa e non solo. Questa è la mia esperienza.

 

Quella del protagonista, è racchiusa tra le pagine di “call center dieci storie dietro un filo”.

Un libro atipico e a mio parere mal presentato ed editato. Trovato per caso su Unlimited.

Un diario di parte, resoconto di un lavoro usurante come il call center outbound. Alzare la cornetta per vendere appuntamenti o prodotti .

Una realtà molto in voga all’inizio del millennio, in cui si alternano luci e ombre.

E la fauna locale è densa di diplomati, laureati, ex manager. Ognuno con le sue sconfitte alle spalle. Che l’autore racconta in modo lento ed a tratti ironico. a.

Ma sempre dal punto di vista del perdente. Per lui sono tutti sconfitti, nessuno è transitorio. Lui stesso trascorre gli anni alla cornetta. Nel vero senso della parola. Prova a ribellarsi, inutilmente. È un perdente verso la vita e lo riversa nel lavoro. Telefonico e non solo.

I personaggi sono vacui ed inesistenti, come la trama che non ha una struttur

Il libro è un esperimento sociale( definizione dell’ autore) e letterario, scritto con un italiano medio condito da interlocuzioni regionali. Pari alla frase, ” ho sceso il cane”. E trasuda sconfitta.

Ennesimo esempio di insoddisfazione personale e sociale che sfocia nel riportare su carta i pensieri, senza sostegno di editing e correzione bozze. Ennesimo tentativo lavorativo fallito.

Venditori  e scrittori non ci si improvvisa.

Dietro c’è studio, tenacia e passione.

Ogni strada comporta attenzione, dedizione, sacrificio.

Vi affidereste ad un parrucchiere non abilitato? Ad un veterinario non laureato?

La mia risposta è negativa in ogni caso. Siamo quel che vogliano essere. La vita ci può mettere lo zampino, ma Bacone scriveva,” volere è potere!”.

‏Solitamente le mie recensioni negative danno risalto ai lati positivi, consigli migliorativi. In questo caso non ci sono, mi dispiace. Un flop editoriale.

 

No votes yet.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image

Back to top