SEMrush

recensione, “Non innamorarti di uno scrittore” di Alessia Garbo

Titolo: Non innamorarti di uno scrittore
Autore: Alessia Garbo
Editore: Butterfly Edizioni
Collana: Digital Emotions
Genere: Chick-lit
Prezzo: 0,99 €
Link d’acquisto: Amazon

Disponibile su Kindleunlimited

sinossi

Natalie Anderson è una nota youtuber e assistente di Dave Sullivan, fondatore di una importante casa editrice a San Francisco. La sua vita scorre monotona e incasinata tra libri da recensire e un amore non corrisposto per il capo. Quando la sua agognata promozione viene data al collega meno esperto, Natalie decide che è ora di cambiare. Ha bisogno di una vacanza da tutto e tutti e l’unico modo per evitare spese eccessive è quello di usufruire dell’opportunità concessa dall’Home Exchange: scambiare la propria casa con uno sconosciuto. È Matt J. Adams a rispondere al suo annuncio. Lui, scrittore di successo sotto pseudonimo, ha perso la vena creativa ed è in cerca di ispirazione lontano da Los Angeles. Tra i due si instaura un intrigante rapporto fatto di battute ironiche che li spinge a cercarsi e a conoscersi più a fondo. Natalie sa che è meglio non innamorarsi di uno scrittore e non vuole cedere all’ardente attrazione che prova ma non riesce a fare a meno di lui…

 

“Non innamorarti di uno scrittore”, potrebbe apparire come un monito, che mi ha ricordato la poesia di M. R. Garrido al femminile;”..Non innamorati di una donna che legge, di una donna che sente troppo, di una donna che scrive…”
Il romanzo di Alessia Garbo, propone l’altra metà del cielo che risponde al comandamento: Scrivo, ergo sum”.
Un libro che presenta tutti gli elementi della commedia rosa: umorista, sentimentale, post-femminista con protagonisti intensi ed alla moda che lavorano nell’ambio dell’editoria . Una trama ben pensata e costruita a due voci, come altri romanzi del genere, ma questa volta manca l’alternanza giusta.
Si passa da un personaggio all’altro, Natalie e Matt si alternano nella narrazione per fornire i due punti d vista. Marte e Venere, mantengono vivo il racconto grazie alla prima persona , facendo perdere il lettore all’interno dello stesso capitolo. Dopo un pò mi sono abituata ma ho letto nelle recensioni di Amazon che per molte è state un limite invalicabile. La storia inizialmente mi ha fatto tornare alla mente la pellicola, “L’amore non và in vacanza”, con lo scambio di email e casa. Nat e Mat sono diversi dagli attori del film, ma la storia simile, tutti devono reinventarsi e cambiare vita.
Nat viene da una grande delusione lavorativa e amorosa, mai innamorarsi del proprio capo!
Mat è uno scrittore che ha perso l’ispirazione.
Cambiare vita e abitudini sembra un ottima soluzione per ricominciare. Proprio come nella pellicola del 2007 con C. Diaz, K. Winslet, J.Law e J. Black.
Lamore-non-va-in-vacanza.jpg

Forse, se vogliamo che la nostra vita cambi, dobbiamo solo modificare il nostro atteggiamento. Iniziando dalle piccole cose, senza pretendere di stravolgere tutto dall’ oggi al domani.

Le nuove avventure saranno memorabili tra amici vecchi e nuovi, superamento di limiti ed orgoglio, scoperta di istinti sopiti. Come l’ispirazione del nuovo romanzo di Mat che darà il via ad un nuovo stile scoppiettante e produttivo. La consapevolezza di Nat che dovrà mettersi alla prova, raccogliere il coraggio e capire chi e cosa vuole dalla e per la vita. Perchè nella è come appare, a volte. Non spoilero il finale ma posso assicurare che tra risate, arrabbiature e colpi di scena ho divorato questo libro, nonostante l’impasse iniziale. Ho trovato interessante ed attuale lo spaccato sul mondo dei libri e le nuove tecnologie ed ho adorato la storia nella storia. Lo stile frizzante dell’autrice scivola veloce come le pagine che arrivano troppo presto alla fine. Confido in un sequel.
Il mio voto è:
🌟🌟🌟🌟
4/5
Sofia Fabiani

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Torna in alto