SEMrush

Review party, "The Kingdom"


Data di pubblicazione: 16 Aprile 2019

Titolo: The Kingdom (Autoconclusivo)
Autore: Jess Rothenberg
Prezzo: 16,00 €

Sinossi:

Voli virtuali negli universi dei propri libri preferiti. Nuotate in compagnia delle sirene. Safari tra elefanti a strisce e purosangue dalle ali di farfalla. Questo e molto altro diventa possibile quando si varcano i cancelli del Regno, il parco a tema più straordinario di tutti i tempi. Ma l’attrazione principale sono loro: le sette principesse androidi create per intrattenere i visitatori. Sempre bellissime, sempre sorridenti, sempre pronte a trasformare i sogni in realtà. Ana, una delle predilette dal pubblico, ama la vita nel Regno. La felicità delle famiglie che accoglie ogni mattina all’ingresso è la sua felicità. Tutto cambia, però, quando Ana incontra Owen. Owen, il ragazzo dagli occhi color cioccolato che lavora nello zoo del parco, è il primo umano che non la tratta come una macchina, il primo che le fa provare un’emozione non contemplata dagli ingegneri che hanno programmato i suoi circuiti: l’amore. E quando Owen sparisce nel nulla, lasciandosi dietro solo un braccialetto carbonizzato, la favola si trasforma in incubo. Accusata di omicidio, Ana si ritrova a combattere per la sua stessa vita, e scopre che nello scintillante Regno che ha sempre chiamato casa niente è come sembra…

Buongiorno reader,
è con piacere che oggi ospitiamo il review party , “The Kingdom” di Jess Rothenberg.
Ringraziamo l’organizzazione del review e gli autori per la lettura e la partecipazione.


Immaginazione, questa è stata la mia parola chiave di questo viaggio letterario. Grazie alla sinossi immaginavo di tuffarmi in un mondo dalle tinte disneyane tra principesse ed animali fantastici. Errore.

The Kingdom è un libro che racchiude in sé un po’ di fantasy, triller e romance. Unico.
Ambientato in un mondo futuro violento e fuori controllo dove esiste anche il Regno.
Un posto artificiale dove la tecnologia e la quiete regnano sovrani. Creato per riprodurre fedelmente tutti gli ambienti terrestri ricreando con anche tutte le specie animali (anche quelle estinte o di fantasia).
Voli virtuali negli universi dei propri libri preferiti. Nuotate in compagnia delle sirene. Safari tra elefanti a strisce e purosangue dalle ali di farfalla. Questo e molto altro diventa possibile quando si varcano i cancelli del Regno, il parco a tema più straordinario di tutti i tempi. Ma l’attrazione principale sono loro: le sette principesse androidi create per intrattenere i visitatori. Sempre bellissime, sempre sorridenti, sempre pronte a trasformare i sogni in realtà. Ana, una delle predilette dal pubblico“.
Ana, la protagonista, insieme alle sue sorelle accoglie i turisti quotidianamente.
Fantasiste programmate per accogliere, sorridere, rendere felici affinché ognuno abbia il suo lieto fine.

«Cerchi sempre di rendere felici le persone, vero?» «Certo che sì. Tu no?»

«Non abbastanza.»
Ridacchia.
«Tu sei migliore di me.»
«Certo che sì. Tu no?»
«Non abbastanza.»
Ridacchia.
«Tu sei migliore di me.»

L’apparenza spesso inganna e non tutto è come appare.
Ana improvvisamente inizia ad avere pensieri strani, porsi domande e si convince di essere vittima di un corto circuito. Lei è un ibrido e non è programmata per avere stati d’animo umani. Rendersi conto dell’arteficiosita` della realtà e la relativa solitudine.

“Penso anche a quant’è facile sentirsi soli, pensare che nessuno ci capisca, per poi scoprire che è vero l’opposto.”

Una giovane cyborg stile Leopardi che ho amato per la sua complessità, che a tratti mi ha ricordato il protagonista di”Videodrome” . Come nella famosa pellicola, tutto precipita con l’abbandono del velo di Maya: l’incontro con Owen. Giovane uomo che lavora come manutentore e la guarda con occhi vivi, le parla creando in lei reazioni inattese.
La natura prende il sopravvento.

«Sei un’anomalia, Ana» dice Owen, sorridendo. «E questo mi rende pericolosa.» «No.»
Owen scuote la testa.
«Ti rende bella.»

«E questo mi rende pericolosa.» «No.»
Owen scuote la testa.
«Ti rende bella.»

Una storia atipica e moderna dallo stile fluido ed il ritmo incalzante. L`autrice è stata molto brava nella creazione dei personaggi e nella descrizione psicologica. Il normale diviene relativo. I confini tra reale ed immaginario si intersecano in una trama preziosa.

Owen mi stringe tra le braccia. «Sono loro, i mostri. Non tu.» «Ma allora cosa sono?» Appoggio la testa sul suo petto caldo. «Non lo sai?»
Mi bacia sulla fronte.
«Sei un angelo.»

«Non lo sai?»
Mi bacia sulla fronte.
«Sei un angelo.»

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Torna in alto