SEMrush

Review tour, "Per sempre tua Kate"

rt kate.jpg

DATA USCITA 18 MARZO 2019

TRAMA

Caro Diario,
la leucemia è stata parte della mia esistenza fin da quando avevo undici anni. Ora, sei anni dopo, rivoglio indietro la mia vita. Solo, non sono sicura di cosa significhi. I risultati delle analisi sono arrivati oggi.
Ventiduemila. Il che significa che sono ufficialmente fuori dalla remissione, di nuovo. Ho tre opzioni:
Un altro ciclo di chemio.
Un nuovo farmaco sperimentale.
Mollare tutto, dimenticare farmaci e trattamenti e godermi il tempo che mi resta.

Penso di sapere cosa voglio. Ma poi arriva Damian e cambia tutto.
Intendo, proprio tutto…Ha la sua dose di problemi. Questo ci accomuna, sai? Entrambi sappiamo cosa significa perdere tutto ciò che è più importante, in pochi istanti. Comunque, l’ultima cosa di cui ho bisogno è di avere qualcun altro da affiggere, se non riuscissi a combattere con sufficiente tenacia. E l’ultima cosa di cui lui ha bisogno è di versare lacrime per qualcun altro.
Come non detto.
Mi sono rimaste due opzioni, ora.
In un modo o nell’altro, so che qualunque cosa io scelga, il risultato sarà lo stesso. Con la sabbia nella mia clessidra del tempo che filtra verso il fondo, spero me ne resti abbastanza per mostrare a Damian che vale la pena vivere. Vale la pena lottare. Vale la pena morire.
Per sempre tua,
Kate
The best photos of urban landscapes (1)Premetto che questo romanzo mi aveva affascinato sin dalla segnalazione, scorrendo la sinossi, mi ero incuriosita, consapevole della difficoltà di raccontare un male senza cedere nella banalità e l’ autocommiserazione. Sarà che ho redatto una tesi sull’adolescenza, conosco i reparti di oncologia, amo la psicologia ed i romance. Quando ho ricevuto la copia di cortesia, mi sono gettata nella lettura senza reti e ne sono stata risucchiata. Piacevolmente. I miei dubbi sono scomparsi come neve al sole,  ridevo e piangevo. Una follia piacevole. Ho voluto far decantare le emozioni come un buon bicchiere di vino, con consapevolezza e rispetto.
La trama è semplice e ben strutturata, sin dall’incipit il lettore viene coinvolto nel micromondo della protagonista. La lettura si apre nello studio del dott. Lowell, oncologo pediatra. Un luminare che conosce ed accompagna la protagonista nella sua lotta dall’inizio.
La leucemia era tornata con prepotenza nella mia vita …”
Kate ha sedici anni, è malata dagli undici ed una forza inimmaginabile. E’ al terzo episodio di cancro ed ad ognuno ha dedicato un diario. Un suo mondo personale, una valvola di sfogo segreta per testimoniare e rendere tangibile il suo percorso. Terapeutico e psicologico. Consiglio di una specialista che la aveva affiancata in passato, che si è rivelato utile e quasi necessario. Le parole sul foglio prendono forma  e vita. Al contrario degli amici che ci sono o meno.

….”Avevo passato la maggior parte della mia vita in ospedale sotto l’effetto dei farmaci. Per questo a scuola ero invisibile. Ero io la persona da evitare”..

L’adolescenza è un periodo particolare, di transizione, da ragazzi si diviene adulti. Tra alti e bassi. Se si ha anche la leucemia, è ancor più difficile. Kate è una piccola donna che ha perso emozioni, relazioni, capelli e tempo. Una vita diversa che ha affrontato con consapevolezza e maturità. La sua ancora di salvezza sono i genitori, che hanno intrapreso con lei questo difficile cammino.

…….”Comunque non si tratta solo di me. Sei anni di tira e molla continuo di trattamenti di chemioterapia hanno segnato anche i miei genitori. Hanno sacrificato così tanto per me, come posso chiedere  a loro di più? So che è stupido, ma mi domando come sarebbe stata la loro vita se avessero avuto una figlia sana, anziché una cagionevole”….

Leggendo queste parole ho pensato che in tal caso sarebbe stata un altra storia ed esistenza. I protagonisti sarebbero stati diversi, i bivi vitali differenti e probabilmente non si sarebbe unito a loro  Damien, ragazzo in apparenza ribelle, difficile. In realtà è un anima ferita che si ritrova riflesso involontariamente nello sguardo di Kate. Si allontanano ed avvicinano, studiano e sorprendono. Due animali che si annusano per conoscersi, sino alla resa finale. Per lei tornerà a respirare e sperare. Facendo pace con il passato e vivrà, nonostante tutto. Perché forse l`amore può vincere, oltre le disillusioni e malattia. I ragazzi si vivranno, adoreranno tra balli scolastici e sedute di chemioterapia. Insieme, uniti contro il maledetto mostro che si sta cibando della ragazza.

….”Voglio vivere il tempo che mi resta. Moriremo tutti Damien. Prima di farlo, voglio amare con tutto il mio cuore. Dare ciò che ho, sperimentare tutto quello che posso, e lasciare un pezzo di me che non sarà mai dimenticato. Voglio godermi il tempo che mi resta. Sto scegliendo la vita. Momenti. Ricordi per te..”

Una storia forte, descritta magistralmente dalla penna dell’autrice che con tatto e semplicità descrive situazioni dolorose e reali. Una vita che rischia di spezzarsi per un banale raffreddore, brama normalità ed è consapevole della fine che la potrebbe attendere.
L’aspetto psicologico è presente, vero ed a tratti devastante. La malattia logora mente e corpo del malato e dei suoi affetti. Spegne la speranza. Che nonostante tutto può affievolirsi e non morire del tutto, è  portante nella riabilitazione. Se ci sarà. Contro il tempo ed il male del secolo.

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Torna in alto