SEMrush

Rewiew party,"se potessi ti cancellerei"

Titolo : Se potessi ti cancellerei

Autore: Francesca Baldacci

Genere: Commedia romantica

Casa editrice: GoWare

Data pubblicazione: 1/12/2018

 
 
 

Sinossi:
Virginia Moreli, Ginny per gli amici, alias “Miss Sorriso”, è da decenni la scrittrice italiana di romanzi rosa più amata dal grande pubblico. Stefano De Foschi, alias “lo Squalo”, critico televisivo molto quotato e seguito, è tra i suoi detrattori numero uno. Non perde occasione per stroncare con crudeltà tutti i suoi romanzi. Tanta acredine nasconde qualcosa: Ginny e Stefano sono stati compagni di scuola al liceo, tra i due c’è stata una storia d’amore e di odio che è rimasta loro nel cuore, malgrado entrambi siano sentimentalmente impegnati.

REWIEW PARTY SE POTESSI TI CANCELLERI.jpg

Il set del programma “Nero Shocking”, condotta da Stefano, li vedrà di nuovo l’uno contro l’altra, faccia a faccia, e riattizzando un fuoco mai spento, e il ricordo dell’estate nel villaggio turistico di Lignano Sabbiadoro che li ha visti adolescenti insieme, li riporterà a sognare.

Recensione di Alycia Berger

Leggere Se potessi ti cancellerei è stato come fare un tuffo negli anni dei miei genitori, quando a scuola gli studenti rispettavano ancora i professori, i ritrovi fuori dal gelataio erano la routine delle giornate prossime all’estate e bastava andare in giro abbracciata a un ragazzo per far discutere il paese su un possibile fidanzamento. La vita era scandita dalle note dei grandi cantautori, ma soprattutto vi era la magia degli sguardi e dei baci rubati, quelli che ti facevano arrossire e scappare a casa per la vergogna e felicità al contempo. Ecco, è in questa epoca che avrei voluto vivere, insieme naturalmente ai protagonisti, Virginia e Stefano, che mi hanno appassionata e divertita col loro amore a singhiozzi, nascosto nei loro cuori per quasi quarant’anni, contro ogni loro volere.

La storia si snoda tra presente – quando Virginia è ormai una scrittrice affermata e Stefano un critico letterario e presentatore piuttosto noto – e i ricordi tra i banchi di scuola, delle loro frasi al vetriolo malcelanti un viscerale interesse, dei loro baci, del loro amore lasciato in sospeso. Tutto è scritto in terza persona ma è come se a un tratto vivessi in un’altra epoca, e questo è senz’altro merito della bravura dell’autrice. E non solo questo. L’amore tra Virginia e Stefano descritto ai giorni nostri è un amore maturo, che non ha bisogno di grandi gesti e parole – come spesso accade nei romanzi rosa – per far sognare e sperare nel suo trionfo. Tutto è concentrato nella scintilla dei loro sguardi, nei brividi che avvertono non appena l’uno è nelle vicinanze dell’altra, nei raggi lunari che cancellano le tracce del tempo sui loro volti per riportarli ragazzini. È un amore autentico, semplice. Un po’ come la penna di Francesca: dolce, leggera, frizzante e senza fronzoli, capace di destare curiosità al punto da voler leggere i romanzi citati dalla protagonista.

Consiglio vivamente questo libro non solo a chi ama i romanzi rosa con tanto di odio/amore, ma anche a tutti coloro che hanno vissuto gli anni Settanta/Ottanta e vogliono farsi un bagno di nostalgia. Sicuramente è un ottimo regalo di San Valentino.

Complimenti Francesca,

Alycia Berger

Voto: 5 stelle

No votes yet.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA ImageChange Image

Back to top