Lib(e)ra_Mente

Daniele Aiolfi, “Se proprio, volete fare l’amore da giovani, almeno imparate come si fa! Manuale di educazione sessuale e affettiva per adolescenti” edito da Brè edizioni. Che ingraziamo per la copia arch.

Trama di “Se proprio volete fare l’amore da giovani, almeno imparate come si fa! Manuale di educazione sessuale e affettiva per adolescenti” di Daniele Aiolfi


Un libro per gli adolescenti, una guida per insegnare come si fa l’amore. Visto che oggi l’età del primo rapporto è sempre più ravvicinata, occorre che voi ragazzi sappiate come si fa, con un linguaggio chiaro, semplice, senza “dito alzato”, dalla vostra parte anche se chi scrive adolescente non lo è più, ma a differenza di tanti non ha dimenticato di quando lo era. Non mi limito però al solo sesso, si parla di educazione affettiva, dove le carenze talvolta sono superiori alla non conoscenza del sesso. È ora di intervenire per cessare la spirale di violenza verso il genere femminile, frutto di un’educazione errata, che non sempre è il patriarcato. Il mio intento è di aiutarvi a diventare giovani adulti felici, l’amore è la cosa più bella della vita, ma occorre imparare a “usarlo”. Questo è il vostro libretto d’istruzioni.

Link

Cosa ne penso

“Se proprio volete fare l’amore da giovani, almeno imparate come si fa! Manuale di educazione sessuale e affettiva per adolescenti” di Daniele Aiolfi

“Se proprio volete fare l’amore da giovani, almeno imparate come si fa!
Manuale di educazione sessuale e affettiva per adolescenti” di Daniele Aiolfi è un testo molto importante e ben scritto. L’autore, pur non essendo più un adolescente, riesce a comunicare con i giovani in modo efficace e empatico, senza giudicare e con un linguaggio chiaro e semplice.

Il libro affronta temi delicati come l’educazione affettiva e sessuale, ponendo l’accento sulla necessità di comprendere sia la parte fisica sia quella emotiva dell’amore. L’autore mette in luce il fatto che le carenze emozionali possono essere più dannose della mancanza di conoscenza sessuale e invita i giovani a imparare ad usare l’amore in modo sano e consapevole.

Inoltre, il libro si pone l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi sulla questione della violenza di genere, spiegando che non sempre è solo una questione legata al patriarcato ma anche a un’educazione errata. L’autore vuole aiutare i giovani a diventare adulti felici, consapevoli del potere dell’amore nella vita ma anche della responsabilità che comporta.

In definitiva, questo libro è davvero un libretto d’istruzioni prezioso per i giovani in cerca di orientamento su temi così importanti come l’amore e la sessualità. Lo consiglio vivamente a tutti coloro che vogliono approfondire queste tematiche in modo serio e informativo.

Biografia


Daniele Aiolfi nasce a Parma nel 1953, cresce a Firenze, mette radici tra le colline del Prosecco di Conegliano, Treviso. Si occupa da sempre di vendita, economia, marketing con lusinghieri successi. Ha una famiglia, un figlio e dal 2024 una nipotina, Anna, cui è dedicato questo libro. Ha già scritto cinque libri, ma di genere diverso, quindi non ve ne parla.

Con prefazione di
Dr. Vincenzo Russo
Psicologo, Sessuologo Clinico
Membro della European Federation of Sexologist
Membro del Gruppo di Lavoro “Psicologia e
Sessualità” dell’Ordine degli Psicologi Campania.

Estratto


Ne vogliamo parlare?
Quindi, avete proprio deciso di fare l’amore anche se siete giovanissimi? Anche se tutti vi dicono: “Non lo fare, sei troppo piccola/o.”
E va bene, parliamone.
Io, che adolescente non lo sono più da un bel po’, sarei portato a dirti: pensaci ancora. Lo vorrei dire anche come genitore, ma pure io sono stato ragazzo, in un’epoca in cui molte donne arrivavano al matrimonio ancora vergini, o “donavano” la verginità giusto al fidanzato, previa consegna dell’anello di fidanzamento, e sentivamo, sia maschi che femmine, gli ormoni esplodere.
Ecco perché desidero aiutarti a imparare quanto possa essere bello, costruttivo, piacevole, fare l’amore, purché lo si sappia fare bene e senza combinare pasticci! Leggi gravidanze o malattie.
Quanti anni hai? Dodici? Tredici? Quattordici? Allora è da tempo che hai visto il tuo corpo mutare, in particolare se sei una ragazza. Seni che si sviluppano, sederi ora prominenti, se sei un maschio il pene che all’improvviso cresce oltre ogni immaginazione, la voce che cambia. Sì, è iniziata l’esplosione ormonale che ti farà transitare dall’infanzia alla pubertà e poi alla vita adulta. Una stagione delicata perché non cambia solo il corpo (e non è poco), muta anche il modo di pensare e si accentuano le differenze tra femmine e maschi in un gioco di attrazione e battaglie continue, che poi sono dovute a una cosa: ragazzi e ragazze hanno ora due diversi comportamenti e ragionamenti. Scoprirai, in età adulta, che sono complementari, ma ci vorrà tempo e l’unica cosa che sai adesso è che è un vero casino e ci si capisce poco, vero?

Ti darò qualche cenno di anatomia, di comportamento, di tecnica, di falsi miti, di rapporti umani, ché il sesso non è solo meccanica, usando un linguaggio chiaro, comprensibile, scevro da ipocrisie, e senza “ditino alzato”. Cercherò di insegnarti “come si fa”, quali sono i pericoli e le cose belle da non perdere.
Al termine spenderò due parole sull’educazione affettiva, non certo meno importante del sesso, di grande attualità. Dal 1968 in poi, il mondo è cambiato, le donne hanno colto l’essenza di questa mutazione, si sono emancipate, evolute. Da sole, con la loro capacità, volontà e intelligenza.
Gli uomini no, o almeno una discreta fetta è rimasta indietro, spiazzati, disarmati, privi di un adeguato insegnamento da parte di padri e madri. Il risultato lo vediamo nel dilagare di una cieca violenza nei confronti del mondo femminile.
La violenza è dei perdenti, dei deboli, degli incapaci di dialogare, di capire, ascoltare, rispettare.
Ragazzi, futuri uomini, leggete fino in fondo questo breve testo, voglio aiutarvi a crescere, migliorare, ad avere una vita affettiva e sessuale più appagante.
L’amore è la cosa più bella della vita, i sentimenti sono la vera fonte di felicità, ma non si comprano al mercato, non con i soldi, neppure se ne hai tanti. I sentimenti si coltivano, in noi stessi e verso chi ci sta vicino.

Translate »