SEMrush

Segnalazione, “Fuoco sulla pelle”

Titolo: Fuoco sulla pelle
Autrice: Faith L. Moore
Self publishing
Pubblicato su Amazon in ebook, Ku e in cartaceo
Link

 

Non negarmi niente. Adorami, e lasciati
adorare. Lasciati fare di tutto. Non te ne

pentirai.

Sinossi:

Sybil Linden è ricca, bellissima e ha tutto il mondo ai suoi
piedi, ma quando il testamento del nonno le impone di sposarsi,
per ereditare metà della Jewelry, si rifiuta. Decide però di aiutare
sua sorella Chryssa, altera e disinteressata all’amore, a conservare
la sua parte di azienda, favorendo il suo matrimonio con Arden
Greenstone, un facoltoso proprietario terriero della Florida.
Stoney, lo chiamano, per la sua fama di cuore di pietra. Sybil non
può ancora sapere che il futuro cognato è lo stesso ragazzo che
l’ha baciata con ardore a una festa in maschera, sei anni prima. E
non può sapere che neppure lui l’ha mai dimenticata. E che sposa
Chryssa solo per salvare la propria famiglia e la tenuta dalla
rovina.
Sybil viene travolta da un amore dirompente e accecante, un
folle delirio che rischia di spezzarle il cuore. Senza speranza di
rimedio. Solo Arden potrebbe stravolgere le cose, ma lui ignora
quale filo li leghi. Ma anche se sapesse ogni cosa, come potrebbe,
un uomo tanto passionale da bruciarle il sangue e nello stesso
tempo tanto determinato a difendere i propri interessi, gettare ogni
cosa al vento per amore?

Le mani di Arden le cercarono il viso, sotto i getti della cascata, lo
attirarono verso di sé. Sybil sollevò le palpebre quanto bastava per
perdersi nei suoi occhi. Gli occhi del suo Principe. Poi, prima che
potesse riaversi e ribellarsi, la bocca di lui cercò la sua, e la divorò.
Il passato si riavvolse, e fu come se il bacio di sei anni prima non si
fosse mai interrotto. Sybil si aggrappò alle sue spalle e si perse nella sua
forza, nel suo sapore.
«No» mormorò, scostandosi. Non doveva, era sbagliato, che cosa
stava facendo?
Ormai bagnato fradicio, Arden posò la fronte contro la sua,
respirando a fondo. «Non so spiegarmelo» mormorò. «Ma, vicino a te,
perdo il controllo. È come se mi fossi destinata dall’inizio dei tempi, e
non posso fare a meno di volerti. Sopra ogni cosa.»
Lentamente, Sybil gli posò una mano sul cuore, sopra la canotta
inzuppata, e lui l’afferrò di scatto, stringendola con forza.
«Per un’ora, dimentichiamo ogni cosa. Il mondo, la vendemmia, i
nostri nomi. Per un’ora, permettimi di essere tuo. E tu…» La trasse
ancora verso di sé e la baciò con ardore, come se non potesse vivere
senza respirare nella sua bocca. «… tu non negarmi niente. Adorami, e
lasciati adorare. Lasciati fare di tutto. Non te ne pentirai.»

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Torna in alto