Recensione, “la gabbia” di Francesca Gerla