Lib(e)ra_Mente

Cristiano Pedrini è tornato! L’autore che seguiamo e leggiamo da diversi anni torna con il suo ultimo romanzo, YAMPA- il vento dell’est-.

YAMPA- il vento dell’est- di Cristiano Pedrini

Trama di YAMPA- il vento dell’est-   di Cristiano Pedrini



«Era così diverso, rappresentava un mondo che desiderava scoprire, ma al tempo stesso sapeva di non potervi appartenere»



Nelle selvagge e mistiche terre delle Black Hills, dove il vento dell’est soffia promesse di cambiamento e la natura si rivela nella sua maestosa bellezza, due anime destinate a infrangere le barriere dell’odio e dell’incom- prensione sono destinate ad avvicinarsi: Joshua, erede di un potente magnate ferroviario di Boston, e Mukky, giovane guerriero pellerossa dal cuore coraggioso.
Nell’America di fine Ottocento, un’epoca segnata da feroci conflitti tra coloni e nativi americani, mentre i binari del progresso minacciano le sacre terre dei Lakota, e la guerra tra culture sembra inevitabile, il legame tra Joshua e Mukky sfocia in un amore inaspettato, un sentimento proibito, che va oltre le differenze dei loro mondi e che rappresenta una sfida coraggiosa ai limiti imposti dalla società, un grido di libertà che risuona attraverso la giovane nazione in fermento.

Cosa ne penso

Cristiano Pedrini torna con un nuovo romanzo avvincente ed emozionante, “YAMPA- il vento dell’est”.

Il romanzo “YAMPA- il vento dell’est” di Cristiano Pedrini è un viaggio emozionante attraverso le aspre terre delle Black Hills, dove il vento dell’est soffia promesse di cambiamento e la natura regna sovrana. La trama coinvolgente e avvincente ci porta a scoprire due anime destinate a infrangere le barriere dell’odio e dell’incomprensione: Joshua, erede di un magnate ferroviario di Boston, e Mukky, giovane guerriero pellerossa dal cuore coraggioso.

L’autore ci regala uno stile di scrittura fluido, dettagliato e armonioso, che ci fa immergere completamente nella storia e nei sentimenti dei personaggi. La sua penna è matura e precisa, capace di descrivere con cura ogni sfumatura dei paesaggi maestosi e delle emozioni contrastanti dei protagonisti.

YAMPA- il vento dell’est-   di Cristiano Pedrini è

Il primo capitolo, con la suggestiva leggenda del lupo e della luna, ci cattura sin da subito, introducendoci al mondo di Mukky e alla sua profonda connessione con la natura e con le tradizioni della sua tribù. La tensione tra i coloni bianchi e i nativi americani risulta palpabile, e il rapporto proibito tra Joshua e Mukky aggiunge un elemento di romanticismo e ribellione che tiene il lettore incollato alle pagine.

Le atmosfere mistiche e selvagge delle Black Hills, insieme alle lotte e alle passioni dei personaggi, rendono “YAMPA- il vento dell’est” una lettura coinvolgente e avvincente, che ci porta a riflettere sulla forza dell’amore e sulla necessità di superare le barriere culturali per costruire un futuro migliore. Con una trama avvincente e uno stile impeccabile, Cristiano Pedrini ci porta in un viaggio indimenticabile tra le terre selvagge dell’America di fine Ottocento. Consiglio vivamente il libro “YAMPA- il vento dell’est” di Cristiano Pedrini a tutti coloro che amano le storie avvincenti e emozionanti, che affrontano temi come l’amore, l’amicizia e la diversità culturale con sensibilità e profondità. Questo romanzo ci coinvolge sin dalle prime pagine, trasportandoci in un’avventura piena di emozioni e riflessioni, e ci lascia con un messaggio di speranza e di cambiamento. Grazie alla maestria dello scrittore nel descrivere i paesaggi e i personaggi, ci sentiamo parte integrante della storia e ne restiamo affascinati fino all’ultima pagina. “YAMPA- il vento dell’est” è un libro che vale assolutamente la pena leggere, per lasciarsi catturare dalla bellezza e dalla intensità di un viaggio che non si dimenticherà facilmente.

YAMPA- il vento dell’est-   di Cristiano Pedrini è

Estratto del primo capitolo di YAMPA- il vento dell’est-   di Cristiano Pedrini



Tanto tempo fa, in una serata d’estate in cielo splendeva una sottile falce di luna, che si affacciava fra le nuvole.
Un lupo, seduto sulla cima di un monte, ululava senza sosta. I suoi ululati erano lunghi, ripetuti e disperati. La luna, la regina d’argento della notte, ne fu infastidita e gli chiese perché si lamentasse tanto. Il lupo rispose che aveva perso uno dei suoi cuccioli e che ormai disperava di trovarlo. Lei, dispiaciuta e desiderosa di aiutarlo, pensò di illuminare tutta la montagna per far sì che il lupacchiotto trovasse la via del ritorno. Così si gonfiò tanto da diventare un disco grande e luminoso. A quel punto il lupo ritrovò il suo cucciolo, tremante di freddo e di paura, sull’orlo di un precipizio. Lo afferrò in tempo, lo strinse forte, lo rincuorò e ringraziò infinitamente la luna. Poi se ne andò col figlioletto, allontanandosi tra la vegetazione. Le fate dei boschi, commosse, decisero di fare un bellissimo regalo: una volta al mese la luna sarebbe diventata un globo di luce grande e luminoso, visibile a tutti, in modo che i cuccioli del mondo potessero ammirarla. Da allora, una volta al mese, i lupi ululano festosi alla luna piena.

Quella vecchia leggenda era tra le preferite di Mukky. Suo nonno, Coda Chiazzata, gliela raccontava spesso, davanti all’entrata della sua tenda, prima di andare a letto. Molte volte quella stessa luna risplendeva alta in cielo, ascoltando la voce del vecchio guerriero. Era calma e sicura, qualcosa che il ragazzino era abituato ad ascoltare, fantasticando sulle avventure che da grande avrebbe potuto vivere, nella speranza di riuscire a raccontargliele. Ma quel desiderio non si era potuto tramutare in realtà. Aveva da poco compiuto i quattordici anni quando il Grande Spirito lo aveva voluto con sé, privandolo per sempre della sua presenza e delle sue incredibili storie capaci di aprire la sua giovane mente alle meraviglie della natura.

YAMPA- il vento dell’est-   di Cristiano Pedrini


Le Moʼȯhta-voʼhonáaeva erano uno spettacolo vero, che Mukky non si stancava mai di ammirare. Rimaneva in silenzio a osservare quelle alte cime che si innalzavano fiere verso il cielo. Quella visione, insieme alle colline, alle grandi praterie e alle foreste di pini rendevano il Sud Dakota un luogo incantevole, un’eredità ricevuta da suo nonno Coda Chiazzata, ottenuta a caro prezzo. Ma ora sembrava essere minacciata da nuovi eventi che gli uomini bianchi stavano tramando alle spalle della sua nobile tribù.
Accarezzò la criniera del suo cavallo, volgendo lo sguardo verso il sentiero che portava all’accampamento, udendo in lontananza un nitrito. Lo scalpito dei suoi zoccoli scacciò il silenzio nel quale Mukky era immerso. Vide sopraggiungere Coda Bianca. L’espressione del guerriero non lasciava presagire nulla di buono.
«La tua presenza è richiesta, ci sono decisioni importanti che si stanno profilando all’orizzonte.» La sua voce sicura era un’ancora per Mukky. I due si conoscevano da sempre. Era stato quell’uomo a insegnargli ad andare a cavallo, un padre acquisito dopo che aveva perso il suo e per quell’uomo rimasto solo, la presenza di Mukky era stata fonte di gioia. Nonostante il suo aspetto gracile, il giovane indiano era molto rispettato. Gli occhi bruni e lo sguardo determinato ricordavano a Coda Bianca il nonno.
«Che cosa è successo di tanto grave?»
«Lootha ha portato cattive notizie. I bianchi stanno di nuovo per invadere le nostre erre.» Quella notizia lasciò Mukky indifferente. Volse lo sguardo alle montagne, chiedendosi se l’eccitazione di Coda Bianca fosse giustificata. I Bianchi avevano molte colpe, spingevano le loro tribù ad abbandonare le praterie; dopo aver intrapreso una spietata caccia ai bisonti, avevano permesso loro di insediarsi in quelle nuove terre, e con il Trattato di Laramie, avevano ottenuto il possesso eterno dei Black Hills, le amate “colline nere”, le Moʼȯhta- voʼhonáaeva che non smetteva mai di rimanere a contemplare.
«Lootha minaccia di tornare a impugnare le armi, la tua voce è molto ascoltata, sei il nipote di Coda Chiazzata, e molti rivedono in te il suo spirito.» Coda Bianca si accostò, pregandolo di nuovo di seguirlo all’accampamento.

YAMPA- il vento dell’est-   di Cristiano Pedrini



«Sono stupende.» Joshua contemplò le grandi montagne all’orizzonte, prima di tornare a osservare l’elegante interno della carrozza che lo aveva condotto così lontano da Chicago. Più di novecento miglia percorse, quattro Stati attraversati, e la certezza di tornare a casa con indelebili ricordi di quel viaggio che era riuscito a conquistarsi. Il Dakota del Sud era un luogo incantevole, che amalgamava paesaggi contrastanti, dolci colline lasciavano il posto a vaste praterie e sullo sfondo si innalzavano imponenti montagne con gole e grotte inesplorate e grandi foreste. Quella ricchezza di paesaggi lo rendevano diverso dal selvaggio west.
«Quando saremo giunti a destinazione ti appariranno ancor più maestose, le Black Hills ti rimarranno nel cuore.» L’ingegner Hans Bauer era stata un’ottima compagnia per tutto il viaggio. Un brillante conversatore e un tecnico capace. Era facile intuire perché suo padre l’avesse nominato capo ingegnere della compagnia. Nonostante il suo accento teutonico, parlava correttamente l’inglese e faceva sfoggio di preparazione in molti campi, non solo scientifici.


«È quello che penso anch’io. Quando giungeremo a destinazione?» gli chiese Joshua sprofondando dell’elegante sofà foderato di velluto bordeaux, senza nascondere la sua trepidazione.
«A questa velocità dovremmo arrivare domattina» gli rispose l’uomo osservando il suo orologio, prima di riporlo di nuovo nella tasca del panciotto. «Tuttavia, sai bene che dovrai rispettare alcune regole per la tua incolumità.»
«Certo, anche se continuo a credere che saranno del tutto superflue.»
«Temo di doverla deludere.» La voce possente che giunse alle spalle sorprese Joshua. Il giovane si voltò verso l’ufficiale dell’esercito che, impugnando l’elsa della sua spada, appesa alla cintura, si fece avanti. Salutò con un cenno il capo l’ingegnere che riprese ad appuntarsi delle note sulle mappe distese sul tavolo al centro dell’elegante carrozza salone.

YAMPA- il vento dell’est-   di Cristiano Pedrini



«La zona non è così sicura come molti immaginano. Io sono qui per occuparmi della vostra sicurezza.»
«Mi scusi Maggiore, non volevo dubitare della sua parola» si affrettò a precisare il ragazzo rialzandosi in piedi per stringere la mano a quell’amico di vecchia data di suo padre che era a capo del piccolo drappello di uomini a bordo del treno.
«Warren è uomo pragmatico, sa bene che l’irruenza giovanile a volte va tollerata» osservò Hans mentre si avvicinava al fornito mobile bar, versando del whisky in due bicchieri ne porse uno all’uomo.


«Ho promesso a suo padre di tenerla d’occhio ed è quello che farò» replicò, prima di bere un lungo sorso. «Ma non tema, avrà modo di visitare tutti i luoghi che desidera. Sappiamo come tenere a bada le tribù indiane.»
Joshua osservò perplesso l’espressione arcigna dell’uomo. La folta barba nera dava a quel volto rotondo la falsa idea di una persona bonaria, ma bastavano poche sue parole per convenire che era uomo di tutt’altra pasta. Poco incline al compromesso, altezzoso ed estremamente sicuro di sé. Tutte doti che Joshua rivedeva in suo padre e forse per questo nutriva per quell’ufficiale la stessa insofferenza.


«Vuole dire che le guerre con gli indiani potrebbero scoppiare di nuovo?»
«Con quei selvaggi è difficile stabilire accordi duraturi. Ma non deve temere. Non sono così pazzi da rischiare un nuovo confronto perché per loro sarebbe la fine.» Beatty posò il bicchiere ormai vuoto sul tavolo. «Tuttavia, per evitare pericoli dovrà attenersi alle mie disposizioni» concluse, uscendo dal salone, ignaro dell’espressione
risentita comparsa sul volto del ragazzo.

Translate »